Ominide 82 punti
Questo appunto contiene un allegato
Fasce Climatiche e Biomi scaricato 73 volte

Le fasce climatiche e i biomi

Sulla Terra è possibile distinguere cinque fasce climatiche, in corrispondenza delle quali si sono sviluppati varie specie viventi che si sono adattate alle condizioni di vita di ciascuna fascia. L’insieme di una determinata area geografica e di tutti gli esseri viventi che ne fanno parte viene definito bioma.

Il clima è l’insieme delle condizioni atmosferiche che caratterizzano una regione nel corso dell’anno.
In base ad esso si possono distinguere le cinque fasce climatiche:
- la fascia equatoriale, in corrispondenza dell’equatore;
- le due fasce tropicali, sviluppate in corrispondenza dei tropici del cancro e del capricorno;
- le due fasce aride, a cavallo dei tropici;
- le due fasce temperate, che rappresentano la latitudine intermedia tra l’equatore e i poli;
- le regioni fredde, che si estendono dai circoli polari fino alle calotte polari dove diventano sempre più inospitali.

Un altro fattore che influenza il clima terrestre, oltre alla latitudine, è l’altitudine sul livello del mare.
Sono presenti, inoltre, correnti oceaniche, venti e catene montuose che influiscono sui climi regionali.

I principali biomi terrestri prendono nome dalle coperture vegetali che li caratterizzano.


La fascia equatoriale
Il clima equatoriale è caratterizzato da un'unica stagione: le temperature sono elevate(20/30°C) e la piovosità è molto abbondante.
Qui si sviluppa la foresta pluviale. La fauna comprende principalmente uccelli, insetti, scimmie, bradipi e rettili. La fitta vegetazione è composta da alberi dal legno pregiato, come l’ebano, il mogano o il palissandro.

Le fasce tropicali

Nelle aree in corrispondenza dei tropici del Cancro e del Capricorno le temperature sono elevate(40°C) e le precipitazioni si fanno sempre meno abbondanti all’aumentare della latitudine. Il clima tropicale umido prevede l’alternarsi di due stagioni: una secca, la più lunga, e la stagione delle piogge.
Nelle regioni più lontane dall’equatore le precipitazioni scarse danno origine al clima tropicale secco.

In Asia meridionale il clima è caratterizzato dai monsoni, forti venti che nei mesi estivi portano grandi masse di aria umida dando origine a piogge torrenziali e alluvioni.

Nelle regioni tropicali più vicine all’equatore il bioma prevalente è la foresta tropicale. Essa comprende una fauna caratterizzata da giaguari, ocelot, tigri.

Dove le precipitazioni sono scarse la minore umidità da origine alla savana caratterizzata da distese di erba, cespugli e arbusti spinosi. Nel periodo delle piogge la savana è ricca di laghi e corsi d’acqua, mentre nella stagione secca sono presenti arbusti e alberi spogli, e il terreno mostra profonde spaccature.

Continua nell'allegato.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email