Ominide 11266 punti

Agricoltura: Il governo svedese ha riservato molta attenzione alle attività agricole, favorendo la nascita di cooperative agroalimentari (che però rappresentano soltanto in parte la struttura delle aziende agricole che vengono per la maggior parte condotte direttamente dagli agricoltori), e la diffusione di macchinari e tecnologie moderne. In questo modo si sono potute superare le avverse condizioni ambientali, si sono registrate rese più elevate per ettaro e il paese è divenuto autosufficiente per alcuni prodotti alimentari. I maggiori prodotti agricoli sono costituiti da cereali (frumento, segale, orzo e avena), da patate, da piante industriali come la barbabietola da zucchero e da alcune varietà di ortaggi e frutta coltivati in serra. Notevole è anche la produzione di legname ricavato dalle vaste foreste di cui la Svezia è ricca.
Allevamento e pesca: Il settore zootecnico più consistente è quello dei suini che può contare su un patrimonio di oltre 2.300.000 capi. Molto avanzato è anche l’allevamento dei bovini da latte, condotto soprattutto in stalla. Discretamente sviluppato, infine, è l’allevamento degli animali da cortile e da pelliccia. Nel nord del Paese si allevano le renne. La pesca è discretamente sviluppata. Il principale prodotto del mare è costituito dalle aringhe.

Sottosuolo ed energia: Il sottosuolo dispone di ingenti risorse, in particolare ferro, molto apprezzato per la sua purezza, rame, piombo, zinco, tungsteno, argento, oro e uranio. Le fonti energetiche di pendono prevalentemente dalle centrali idroelettriche che coprono buona parte del fabbisogno energetico interno. Notevole rilevanza hanno assunto anche le centrali nucleari. Mancano invece gli idrocarburi, che devono perciò essere importati dall’estero.
Industria: La Svezia è uno dei paesi industrialmente più avanzati del mondo. La disponibilità di energia ha notevolmente contribuito allo sviluppo del settore secondario, che è dotato di complessi moderni e funzionali. Un primo importante settore di sviluppo è rappresentato dall’industria estrattiva del ferro e di altri minerali, che esporta all’estero le materie prime o le lavora al suo interno in attrezzati impianti siderurgici e metallurgici. Anche il comparto meccanico è notevolmente articolato e conta stabilimenti automobilistici, ferroviari, aeronautici e fabbriche di cuscinetti a sfera. Le industrie chimiche producono soprattutto esplosivi, fertilizzanti, soda caustica, acido solforico e cloridrico. Molto sviluppata è anche l’industria del legno, che sfrutta il vasto manto forestale di cui la Svizzera è dotata, per produrre mobili, case prefabbricate, carta e cellulosa. Tipica è la produzione di un particolare genere di fiammiferi chiamati appunto “svedesi”. Fra le industrie alimentari spiccano gli zuccherifici e l’industria lattiero-casearia.
Terziario: Alle attività finanziarie e commerciali, si affianca un’efficientissima ed articolata rete di servizi sociali (sanità, trasporti, istruzione, etc.). i rapporti economici sono intensi con il Regno Unito, la Germania, gli Stati Uniti e gli altri Paesi scandinavi.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017