Ominide 16918 punti

Bulgaria


I territori che oggi compongono la Bulgaria corrispondono press’a poco alla Mesia dei Romani, che fu tra le prime regioni dell’impero esposte alle invasioni barbariche. Nel secolo V vi si stanziarono i Bulgari, popolo di stirpe mongolica che a contatto con le popolazioni slave subì profonde modificazioni avvicinandosi ai costumi europei, specialmente dopo la sua conversione al Cristianesimo. I Bulgari costituirono un grande e forte Stato, che nel IX secolo, sotto lo zar Simeone, si estese fino alle sponde dell’Egeo e dell’Adriatico. Nel XIV secolo essi caddero sotto la dominazione turca, uscendo, si può dire, dalla storia fino a cento anni or sono. Conseguita faticosamente l’indipendenza attraverso le varie crisi balcaniche del secolo scorso e dei primi anni del nostro secolo, la Bulgaria, retta a regime monarchico, fu travagliata da contrasti e da guerre con gli Stati vicini e dal gioco alterno di influenze dei tre imperi di Germania, Austria e Russia. Durante la prima guerra mondiale militò nel campo degi imperi centrali e della Turchia, subendo alla fine numerose mutilazioni territoriali. Nella speranza di rifarsi partecipò alla seconda guerra mondiale a fianco della Germania hitleriana, ma, vinta, fu invasa dai Russi che ne riconobbero, tuttavia, l’indipendenza sotto un ordinamento repubblicano socialista. Il clima, nella parte settentrionale del paese aperta ai venti freddi di Nord-Est, è continentale, con piogge scarse e prevalentemente estive; nel bacino compreso tra i Balcani e i Rodopi, il clima si fa più temperato perché risente l’influsso del mare ed è protetto dai venti settentrionali; sui rilievi vi è un clima d’altitudine.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email