Sapiens Sapiens 10906 punti

Belluno


Belluno è uno dei sette capoluoghi di provincia della regione Veneto. Situata a 383 metri di altezza, su di una terrazza naturale alla confluenza del torrente Ardo con il Piave, conta circa 36.000 abitanti di cui un cero numero di migranti provenienti soprattutto dai paesi dell’ Est (Ucraina, Albania, Romania e Moldavia) o dal Marocco.

I confini

La provincia confina con il Trentino-Aldo Adige, con le province di Treviso e di Vicenza, nonché con l’Austria e la provincia di Udine.

Economia

Centro agricolo-commerciale sull’antica strada d’Alemagna, è sede di alcune industrie quali segherie, concerie, officine meccaniche, alimentari e di confezioni.

Aspetti geografici ed insediativi

Da un punto di vista orografico comprende la sezione orientale delle Dolomiti e le Prealpi bellunesi. La provincia è prevalentemente agricola e forestale con importanti centri turistici sia invernali che estivi nel Cadore, quali Cortina d’Ampezzo. Centri importanti della provincia bellunese sono anche Feltre e Pieve di Cadore, Longarone, il cui nome è legato al disastro avvenuto nel 1963 quando il paese fu spazzato via da una valanga d’acqua. La val Belluna, che corrisponde alla media valle del Piave, ha da sempre gravitato verso la città capoluogo a cui ha dato anche il nome. Un tempo il fiume aveva una grande importanza economica per il trasporto del legname verso la laguna veneziana. Tutta la valle è caratterizzata da una rete insediativa molto fitta composta da ville storiche di grande qualità architettonica e da case rurali rimaste fedeli alle tradizioni costruttive locali. Di notevole interesse sono anche gli spunti offerti dal Parco Regionale.
Dal punto di vista delle comunicazioni, la provincia è attraversata dalla direttrice Calalzo-Padova con diramazione verso Treviso-Venezia. La vallata è occupata da due assi viari che occupano rispettivamente la riva destra e la riva sinistra del fiume

Gli aspetti storici

Di origine pre-romana, caposaldo romano e quindi castrum bizantino, Belluno fu un libero comune nel Medioevo, poi dall’inizio del XV secolo dominio della Repubblica Veneta di cui seguì le sorti. I quattro secoli di pace veneziana furono interrotti dall’intervento napoleonico. Durante i due conflitti mondiali, il bilancio fu duro: la città fu occupata dagli Austriaci nel 191-18 ed invasa dai nazisti nel 1943 a cui gli abitanti reagirono prontamente, ma persero la vita quasi 600 persone.

Gli aspetti turistici e gastronomici

La città conserva edificio gotici e rinascimentali, come la piazza del Duomo, la chiesa di S. Stefano, risalente al XV secolo ed il palazzo dei Rettori, un tempo sede dei governatori delegati da Venezia. La provincia di Belluno offre una gastronomia legata ai prodotti localio: minestra d’orzo con fagioli, polenta e agnello, funghi e selvaggina, strudel di prugne e pere.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Umbria-Descrizione