Ominide 11268 punti

Austria – L’uomo e l’ambiente


Popolazione, lingua e religione: Gli abitanti si distribuiscono in modo abbastanza equilibrato sul territorio. Fa eccezione l’area urbana di Vienna, che raccoglie il 20 % circa dell’intera popolazione. Le aree montane registrano una densità abitativa relativamente elevata e hanno subito meno di altri Paesi le conseguenze dello spopolamento, grazie all’intervento dello Stato e all’intelligente distribuzione dell’industria. La popolazione è costituita soprattutto da Austriaci e da minoranze etniche slovene, ceche e ungheresi. La lingua ufficiale della Nazione è il tedesco; la religione più diffusa quella cattolica.
Storia e ordinamento politico: La casata degli Asburgo fece dell’Austria una splendida realtà nazionale, politicamente ben organizzata, florida per cultura e condizioni economiche. La fine della prima guerra mondiale provocò il crollo dell’impero austro-ungarico e il suo veloce declino. Invaso nel 1938 dalla Germania nazista, il Paese fu occupato, dopo il secondo conflitto mondiale, dalle forze Alleate. Nel 1955, ottenuta la piena autonomia e proclamata la propria neutralità, ebbe inizio l’opera di ristrutturazione economica. Nella primavera del 1994 il Parlamento europeo ha accolto la domanda di adesione del paese all’Unione Europea e, dal 1° Gennaio 1995, il Paese è entrato formalmente nell’UE. L’Austria è una Repubblica federale divisa in 9 stati federati. Il potere legislativo è affidato al Consiglio Federale e al Consiglio Nazionale, quello esecutivo spetta invece al Cancelliere e al Consiglio dei Ministri. .
Vienna: La capitale, è situata nella parte nord-orientale del Paese e conta oltre 1.500.000 abitanti. Immersa nel verde, ricca di giardini e parchi come il famoso Prater con l’altrettanto conosciuto Luna Park, la città ha un aspetto nobile e raffinato e conserva insigni monumenti fra cui spiccano la cattedrale di St. Stefano e i palazzi imperiali e nobiliari, come il castello di Schonbrunn, il palazzo Belvedere, il palazzo d’inverno. Importante città d’arte e cultura, ospita l’università dal 1365, numerosi musei e sale da concerto, teatri, istituti scientifici e gallerie d’arte. L’economia cittadina è sorretta dal settore terziario che sviluppa le attività politico-amministrative, i commerci e il turismo. L’industria opera soprattutto nel settore meccanico, alimentare e tessile.
Salisburgo: (143-971). Il suo nome significa letteralmente “città del sale2 ed è legato ai ricchi depositi di salgemma presenti nel suo circondario. Conserva una struttura urbana di impianto medievale e numerosi monumenti fra cui la torre Gloken, con il suo carillon, la cattedrale e il castello del IX secolo. Vivace centro culturale, Salisburgo ospita musei e biblioteche, istituti di ricerca scientifica e il Conservatorio. L’economia della città si basa sul turismo e sul commercio; non mancano tuttavia complessi industriali e botteghe artigiane.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove