Genius 16188 punti

Le zone industriali e le zone specializzate


Le zone industriali

Le aree industriali sono quelle parti della città ove si concentrano attività produttive. Esse hanno sempre avuto la tendenza a essere dislocate alla periferia della città, o addirittura in siti esterni, ma vicini alla città. A mano a mano che la città si è ampliata, queste zone industriali sono state imprigionate nell'abitato. Di conseguenza, oggigiorno si tende a spostare questi insediamenti in altre zone, alla periferia o in luoghi esterni alla città, con un doppio vantaggio: si recuperano preziosi spazi all'interno della città e si riduce l’inquinamento, con beneficio per la salute della popolazione.

Le zone specializzate

Tra le varie aree della città, al giorno d’oggi, si stanno sviluppando soprattutto quelle destinate ad attività in continua espansione nel mondo della finanza, delle telecomunicazioni e della ricerca: banche, assicurazioni, università e centri di ricerca, sanità, giornali e televisione. A Milano è famosa la zona della Borsa, dove si trovano non soltanto la Borsa Valori, ma anche banche, assicurazioni, studi di professionisti che operano nella finanza.
Le zone universitarie accolgono facoltà universitarie, cliniche, laboratori, centri di ricerca, strutture congressuali, edifici per ospitare studenti e docenti. Le città più grandi, come Roma e Milano, hanno addirittura più zone di questo tipo. In passato soltanto le grandi città possedevano ospedali e cliniche così sviluppati da essere riuniti tutti in una zona, detta area ospedaliera. Recentemente, l’espansione dei servizi sanitari ha fatto sì che anche le città di medie dimensioni si siano attrezzate con aree di questo tipo.
La Borsa di Milano è il luogo dove un tempo avvenivano le contrattazioni; oggi ormai gli scambi avvengono soprattutto attraverso terminali legati tra di loro (mercato telematico)
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email