Sapiens Sapiens 12228 punti

La Sila


A settentrione, la Calabria offre un’altra attrattiva di grande pregio, i rilievi della Grande Sua e della Piccola Sila: tra essi si interpongono altopiani e conche. Il paesaggio è molto diverso rispetto all’Aspromonte. Un insieme di lunghe groppe ondulate si stende a quote di 1200 -1400 metri, sulle quali si elevano rilievi di 1500 - 1900 metri. I fiumi hanno scavato valli profonde, incassate tra vette e massicci montuosi. I fianchi sono coperti da boschi nereggianti di faggete e verdeggianti di pini e abeti: tutti fitti, a formare una copertura vegetale tra le più caratteristiche dell’Appennino meridionale. Siccome le precipitazioni sono piuttosto abbondanti (1200 millimetri in complesso, con frequenti nevicate in novembre-febbraio), al di sopra della fascia delle foreste si trovano estesi prati, con numerose varietà di fiori.
La popolazione è sempre stata scarsa e raccolta in pochi villaggi compatti. Le risorse tradizionali sono olivo, vite e frutteti alle quote basse e il legname, ricavato in abbondanza alle quote più alte.
Sila e Aspromonte sono diventati parchi nazionali. Nel 1968 è stato creato il Parco di Calabria, esteso sulla Grande Sua e sulla Piccola Sua. Più recentemente (1994) è stato istituito il Parco d’Aspromonte. Di conseguenza, sono state poste le premesse per salvaguardare buona parte del patrimonio naturalistico e dei paesaggi della montagna calabrese.
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze