La popolazione mondiale

Sulla terra siamo 6 miliardi e mezzo di persone 43,6 abitanti per chilometro quadrato ma la popolazione non è distribuita in modo uniforme. È sempre riparazione si concentra nelle zone con clima più favorevole. Le zone con clima più favorevoli sono le regioni temperate dell'emisfero boreale costituita da terreni pianeggianti vicino a corsi d'acqua terreni fertili adatti all'agricoltura allevamento e dove sono presenti le vie di comunicazione. Circa due terzi della popolazione vivono a meno di 500 chilometri dalla costa circa 4 miliardi di persone. Dove il clima non è favorevole vivono circa 2 miliardi di persone. Qui ci sono condizioni climatiche estreme come quelle equatoriali tropicali desertiche e polari.
Ci sono altri motivi Che influenzano il popolamento terrestre questi sono storici economici come il colonialismo che è una conquista da parte di potenze europee di ampi territori extra europei guerre e povertà clima e il territorio.

Le zone più abitate sono la Cina in Giappone l'Indonesia e Filippine le regioni indiane e la ci Pelago indo cinese questo è l'Asia un terzo della popolazione mondiale vive lì. Sono molti abitati anche il continente europeo gli Stati Uniti e il Canada.
Dall'epoca romana al 1800 la popolazione mondiale passata da 200 a 1000 milioni ci sono c'è voluti circa 2000 anni perché si quintuplicasse.
A partire dal 21º secolo lo stesso risultato è stato garantito nell'atto di meno di trent'anni con l'aumento di interni di valori assoluti pari a 200 milioni. I ritmi dell'incremento demografico diventarono sempre più veloci dopo 2000 infatti si è registrato un aumento di dare 500 milioni solo sette anni. Se verranno confermate le previsioni reati relative al 2030 si potrà affermare che tra secondo e il terzo millennio ci sono voluti solo 55 anni perché la popolazione la raddoppiasse

Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email