Video appunto: Movimenti della Terra: rotazione e rivoluzione

I movimenti della Terra



La Terra compie in 24 ore una rotazione attorno al proprio asse da ovest verso est. La conseguenza più importante di questo movimento è l’alternarsi del giorno (il dì) e della notte. Poiché la Terra è un geoide di forma quasi sferica, i raggi solari ne illuminano solo una metà per volta, mentre l’altra resta al buio.
La linea immaginaria che separa la zona illuminata da quella buia si chiama circolo di illuminazione (1). Oltre che ruotare su se stessa, la Terra descrive un’orbita attorno al Sole mantenendo una velocità media di circa 30 km/s (ovvero 108 000 km/h); tale movimento si chiama rivoluzione. Una rivoluzione completa della Terra intorno al Sole si compie in un anno solare, per la precisione in 365 giorni e 6 ore. Nel suo percorso la distanza dal Sole cambia: il punto in cui la Terra è più vicina al Sole si chiama perielio (147 100 000 km), la Terra si trova in questa posizione verso il 3 gennaio; invece verso il 4 luglio il nostro pianeta raggiunge l’afelio (152 100 000 km), cioè il punto di maggiore distanza dal Sole.

L’inclinazione di 23° 27’ dell’asse terrestre rispetto al piano dell’orbita di rivoluzione determina sia l’alternarsi delle stagioni, che sono i quattro periodi in cui si divide l’anno solare, sia il fatto che in un dato luogo del pianeta il giorno non dura mai quanto la notte (tranne durante gli equinozi) e varia mano a mano che ci si sposta dall’Equatore verso i poli.