Ominide 7321 punti
La direzione dei venti

Se la Terra non ruotasse intorno al proprio asse, e se non ci fosse attrito, le masse d'aria si muoverebbero in linea retta dalle aree di alta pressione a quelle di bassa pressione, perpendicolarmente alle isobare. Poiché la Terra ruota, e poiché i venti vicino alla superficie terrestre, incontrano l'attrito del suolo, il loro andamento è il risultato di una combinazione di forze.
La rotazione terrestre devia i venti verso destra nell'emisfero settentrionale e verso sinistra nell'emisfero meridionale.
Questa deviazione, chiamata effetto Coriolis, è proporzionale alla velocità del vento, è maggiore ai poli e si indebolisce andando verso l'Equatore, dove risulta nulla.
L'effetto dell'attrito sui venti è evidente soltanto entro pochi km dalla superficie terrestre, soprattutto in presenza di rilievi montuosi e irregolarità del terreno; al contrario, non si osserva nell'alta troposfera. Riducendo la velocità del vento, l'attrito riduce anche l'effetto Coriolis: di conseguenza, a bassa quota la direzione del vento è determinata principalmente dalle differenze di pressione.
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email