Ominide 4553 punti

Iraq - Situazione civile e politica


Iraq, Iran, Pakistan…sono numerosi i Paesi che vengono in mente in modo quasi automatico se si pensa alle parole «guerra» e «conflitto». In questi Paesi, infatti, imperversa uno stato ormai quasi perenne di belligeranza. Si tratta di una realtà per noi quasi astratta e inverosimile, tuttavia quanto mai reale ed estremamente critica.
Ultimamente è sempre più abituale sentire parlare di guerre che stravolgono i Paesi Orientali, i quali hanno situazioni politiche regredite e non funzionanti. In Iraq, soltanto nel mese di luglio, sono state uccise quasi 1000 persone fra ribelli, civili, poliziotti e militari con oltre 1500 feriti. Da anni l’Iraq è colpito quasi quotidianamente da attacchi terroristici a causa della divisione tra sciiti e sunniti, i due principali rami dell’Islam del paese. Questa divisione risale alla frattura politica verificatasi alla morte del profeta Maometto, avvenuta nel 632 d.C. Al momento di scegliere il suo successore (califfo), i fedeli si divisero in due gruppi che discordavano sulla scelta di quest’ultimo: gli Sciiti che ritenevano che il successore di Maometto dovesse essere scelto necessariamente tra i consanguinei del profeta e i Sunniti che credevano invece che una qualsiasi persona potesse essere il successore. La rivalità tra Sciiti e Sunniti è cresciuta nel corso del tempo e ha raggiunto il suo apice con la rivoluzione Khomeinista del 1979, che portò alla cacciata dello Scià e all’instaurazione di una teocrazia islamica sciita in contrapposizione con tutti i paesi governati dai Sunniti. I Sunniti sono stati gradualmente esclusi dal governo di Nuri al-Malik, il primo ministro Sciita, che riteneva ogni forma di opposizione come un’insurrezione. Lo scorso anno i Sunniti hanno lanciato un movimento di protesta pacifico, ma dopo una fase di stallo durata 4 mesi le forze governative hanno fatto irruzione in un campo di protesta, uccidendo e ferendo molte persone.
Hai bisogno di aiuto in Geografia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email