Capacità termica e calore specifico

L'assorbimento della stessa quantità di energia non provoca lo stesso aumento di temperatura in tutti i corpi. Per esempio, il calore prodotto da un accendino rende incandescente uno spillo, ma farebbe aumentare di pochissimo la temperatura di un kilogrammo di acqua.

Capacità termica definizione

Per descrivere questi comportamenti, definiamo la capacità termica C di un corpo come il rapporto tra la quantità di energia che un corpo assorbe e il corrispondente aumento di temperatura. La capacità termica di un corpo è numericamente uguale alla quantità di energia necessaria per aumentare di 1 K la sua temperatura.
La capacità termica dipende dalla massa del corpo e dalla sostanza di cui esso è fatto. Più precisamente la capacità termica di un corpo è direttamente proporzionale alla sua massa. Il calore specifico di una sostanza è numericamente uguale alla quantità di energia necessaria per aumentare di 1 K la temperatura di 1 Kg di quella sostanza. Quindi, per aumentare di 1 K la temperatura di 10 Kg di acqua occorre un'energia dieci volte maggiore di quella che serve per riscaldare, sempre di 1 K, 1 Kg di acqua. L'alto calore specifico dell'acqua spiega come mai il clima nelle regioni costiere sia molto più temperato che nelle regioni interne. Durante l'estate l'acqua del mare, che ha una temperatura minore di quella dell'ambiente, assorbe da esso molto calore, evitando così che la temperatura esterna salga eccessivamente. Cede poi lentamente questo calore nei mesi invernali, mantenendo relativamente alta la temperatura dell'aria.

Hai bisogno di aiuto in Termodinamica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email