Ominide 11268 punti

Moto di caduta dei corpi


Un particolare moto naturalmente accelerato è quello che si verifica nella caduta dei corpi, qualunque sia il peso e la materia che li costituisce.

Tutti i corpi, cadendo nel vuoto, si muovono con moto naturalmente accelerato con accelerazione di 9,81 metri a secondo per secondo.

Se il moto anziché nel vuoto avviene nell’aria questa ostacola notevolmente il movimento e l’accelerazione assume valori diversi a seconda della forma e delle dimensioni del corpo. Per questo fatto si riteneva un tempo che i corpi leggeri cadessero con minore accelerazione di quelli pesanti. Però se due corpi, come un disco di carta e un disco metallico, si fanno cadere sovrapposti in modo che la resistenza dell’aria sia vinta dalla moneta ovvero si fanno cadere in un lungo tubo dal quale sia stata estratta l’aria (tubo di Newton) si osserva che essi arrivano alla base del tubo contemporaneamente. Per notevole resistenza dell’aria che incontra durante il moto, un paracadute può discendere lentamente al suolo. Se due sfere aventi le stesse dimensioni e diverso peso si lasciano cadere insieme dalla stessa altezza, arrivano al suolo contemporaneamente perché incontrano la stessa resistenza dell’aria (esperienza di Galilei).

i corpi che cadono, se la resistenza dell'aria è trascurabile rispetto al peso, si muovono con moto naturalmente accelerato. l'accelerazione è di circa 10 metri al secondo per secondo.

Hai bisogno di aiuto in Meccanica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove