Ominide 850 punti
Questo appunto contiene un allegato
Moto parabolico scaricato 15 volte

Moto Parabolico
Un esempio di moto parabolico può essere un proiettile lanciato in direzione parallela al piano orizzontale, o in direzione obliqua rispetto al piano.
Esaminiamo il primo caso, quando un oggetto è lanciato in direzione parallela all’asse x.
Esaminando questo caso di moto parabolico notiamo che il corpo è lanciato con una velocità iniziale (V_0), e percorre uno spazio lungo l’asse y (S_x) e uno lungo l’asse x (S_y=x=gittata) descrivendo una parabola.
Lungo l’asse x il corpo si muove di moto rettilineo uniforme (M.R.U.); infatti in ogni punto della parabola la velocità è costante.
Lungo l’asse y il corpo si muove di moto naturalmente accelerato (M.N.A.).
In sintesi, possiamo affermare che nel moto parabolico avvengono due moti contemporaneamente, e ognuno avviene in modo indipendente dall’altro, senza che l’uno interferisca sull’altro, e il moto risultante è la composizione dei due moti.

M.P.{█(V_x=V_0@V_y=g∙t)→{█(S_x=V_0∙t@S_y=1/2 g∙t^2 )→ricaviamo t→{█(t=S_x/V_0 @S_y=1/2 g∙(S_x^2)/(V_0^2 )→y=g/(2V_0^2 )∙x^2 )┤┤┤
essendo g/(2V_0^2 )=k,avremo y=k∙x^2,che al livello grafico non è altro che una parabola.

Il secondo caso di moto parabolico è quando abbiamo un corpo lanciato in direzione obliqua rispetto al piano.
Andando ad esaminare questo caso, come nell’altro, abbiamo la presenza di due moti indipendenti e che non si sovrappongono.
Lungo l’asse x avremo un moto rettilineo uniforme; lungo l’asse y un moto uniforme decelerato.
Così, per poter esaminare i due moti che intervengono, andiamo a scomporre la velocità (V_0) in due componenti, una lungo l’asse x, e una lungo l’asse y.
V_x e V_y sono le velocità finali;
{█(V_x=V_0x=cost.@V_y=V_0y-g∙t)┤→{█(S_x=V_0x∙t@S_y=V_0y∙t-1/2 g∙t^2 )┤
S_x e S_y sono una la gittata e una l'altezza
{█(t=x/V_0x @y=V_0y∙(x/V_0x )-1/2 g∙(x/V_0x )^2→y=V_0y/V_0x ∙x-g/(2(V_0x )^2 )∙x^2→y=kx+hx^2 )┤
Per trovare la gittata andremo a considerare che A abbia ordinata=0, quindi:
{█(y=0@y=V_0y/V_0x ∙x-g/(2(V_0x )^2 )∙x^2→0=V_0y∙x-g/(2V_0x )∙x^2→x(V_0y-g/(2V_0x )∙x)=0)┤
{█(x=0@x=(2V_0x∙V_0y)/g)┤
Se volessimo trovare il punto più alto raggiunto dal corpo, andiamo a considerare la proiezione di questo su x=x/2:
{█(t=x/2@y=V_0y∙t-1/2 g∙t^2→y=V_0y∙x/2-1/2 g∙(x/2)^2→y=1/2 V_0y-g∙x/2)┤

Hai bisogno di aiuto in Fisica Sperimentale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email