Introduzione:
L'ottica geometrica è quella branca della fisica distinta dall'ottica fisica che tratta il comportamento della luce con la geometria quando sono trascurabili i fenomeni di diffrazione della luce. La luce si propaga costantemente in linea retta. Di conseguenza quando la luce viene a contatto con un corpo essa reagisce in modo differente e possiamo suddividere questi ultimi in tre diverse categorie: corpi trasparenti opachi, traslucidi.
I corpi trasparenti sono corpi che lasciano passare la luce (vetro), i corpi opachi sono quelli che non lasciano passare la luce (pietra), i corpi translucidi sono quelli attraverso i quali passa la luce ma rendono meno nitide le immagini. La luce viene prodotta dalle sorgenti. Esistono due diversi tipi di sorgenti: le sorgenti primarie, ad esempio il sole o la lampadina e le sorgenti secondarie, ad esempio la luna oppure tutti corpi che riflettono luce. La luce trasmessa da una sorgente può essere diffusa o riflessa. Si dice che la luce è diffusa se si trasmette in varie direzioni, si dice che la luce è riflessa se si trasmette in una sola direzione.

Il raggio di luce è un segmento di retta che indica il tragitto della luce per andare da un punto a un altro; il fascio di luce è un insieme di raggi emessi dalla stessa sorgente.
Rifrazione e Riflessione :
dato un raggio di luce che si infrange su un mezzo di separazione (ad esempio vetro e aria) il raggio verrà riflesso sullo stesso piano, prenderà dunque il nome di raggio Riflesso e anche sul vetro cambiando di direzione, verrà chiamato raggio Rifratto. Il raggio originario verrà chiamato raggio incidente

Legge della Riflessione:
La prima legge della riflessione afferma che il raggio incidente ,il raggio riflesso e la normale ( segmento perpendicolare al piano) sono tutti sullo stesso piano.
La seconda legge della riflessione afferma che l'angolo incidente e l'angolo riflesso sono congruenti.

Hai bisogno di aiuto in Tutto il resto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email