Eliminato 493 punti

Circuitazione campo elettrostatico

Così come il flusso Φ attraverso una superficie, anche la circuitazione è un concetto nato in fluidodinamica e poi applicato all'elettrostatica. Per calcolare la circuitazione:
  • - si deve scegliere una retta orientata chiusa ed uno dei suoi due versi di orientamento;
    - bisogna dividere L in parti (ogni parte dev'essere approssimabile a rettilinea e il campo E dev'esse uniforme).
    - si indica con Dl(i) il vettore spostamento che descrive il tratto, numero i di L e calcolare E.

Per cui la circuitazione è il prodotto scalare di Dl ed E e si indica con
  • (1) L = E1Dl1 + E2Dl2.. +EnDln

In fluidodinamica la circuitazione permette di determinare se il movimento è laminare o turbolento (senza vortici/con vortici). Viene indicato così:
  • L = v1Dl1 + v2Dl2.. +vnDln

Solo che al posto di E come nella (1), vi è v.

Se il valore della circuitazione è:


  • - L > 0, ci sono vortici nello stesso verso
    - L < 0, ci sono vortici nel verso opposto.
    - L = 0, non ci sono vortici.

Invece, nel campo elettrostatico, la circuitazione determina la differenza di potenziale:
  • EiDli = -DV
Questo accade perchè in una linea chiusa la sommatoria non è altro che la somma del valore al punto di partenza, il potenziale ha lo stesso valore di quello di partenza. Ciò è dovuto al fatto che il C.E. è conservativo.
Hai bisogno di aiuto in Elettricità  e magnetismo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove