SteDV di SteDV
Habilis 4202 punti

Metodo sperimentale

Il metodo sperimentale per lo studio dei fenomeni naturali, elaborato da Galileo, prevede lo svolgimento, in ordine, delle seguenti cinque attività.

  • Osservazione del fenomeno
    Si osserva il fenomeno naturale con occhio critico, con la capacità, cioè, di separare i fatti essenziali dagli elementi di disturbo.
  • Scelta delle grandezze
    Si determinano, mediante l’osservazione, le grandezze fisiche interessate dal fenomeno, e da prendere pertanto in considerazione per analizzarlo.
    NOTA: Si dice grandezza fisica tutto ciò che è suscettibile ad una determinazione quantitativa e che può, quindi, essere misurato.
  • Formulazione di ipotesi
    In base all’esperienza e all’analisi effettuata del fenomeno si procede alla formulazione di ipotesi che ne spieghino il funzionamento.
  • Esperimento per la verifica delle ipotesi
    Si sottopongono a verifica sperimentale (esperimento controllato) le ipotesi formulate così da provarne la validità, riproducendo in laboratorio il fenomeno che queste intendono spiegare. In caso di risultati insoddisfacenti si procede alla formulazione di nuove ipotesi.
  • Formulazione della legge
    Le ipotesi confermate dagli esperimenti in laboratorio diventano leggi e sono assunte quali spiegazioni del fenomeno inizialmente osservato.
    NOTA: Le leggi fisiche che inquadrano tutta una serie di fenomeni in modo unitario sono dette leggi generali o teorie.

Hai bisogno di aiuto in Concetti generali di fisica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email