Dhy1 di Dhy1
Ominide 116 punti

Dopo la morte di Hegel si vennero a formare due fazioni contrapposte tra i suoi studenti. Una parte era conservatrice, proprio come Hegel, formata dagli allievi più anziani e già inseriti nella società tedesca dell’epoca. L’altra fazione, battezzata Sinistra Hegeliana da David Strauss in riferimento agli schieramenti nel parlamento rivoluzionario francese, non era invece conservatrice e costituita da gli studenti più giovane (da qui anche il nome di ‘Giovani Hegeliani’). Questa fazione produsse pensatori come Feuerbach e, in modo indiretto, Marx.
I due schieramenti si trovavano in conflitto in particolare su due punti: il rapporto tra religione e filosofia e il rapporto tra religione e stato.

Religione e filosofia

Nel sistema hegeliano lo spirito assoluto conosce se stesso e, nell’uomo, ha consapevolezza di se’ e, tornando in se stesso, si esprime in tre modi differenti: arte (tesi), Religione (antitesi) e filosofia (sintesi). La differenza tra religione e filosofia non stava quindi nel contenuto (essendo due espressioni di una sola realtà) ma nella forma.
La destra sosteneva che nella religione era contenuta già tutta la verità e la religione era solo una ancilla theologiae, perché serviva solo a esporre lo steso contenuto in modo più chiaro.
La sinistra sottolineava la diversità della forma espressiva: la filosofia si esprime utilizzando il concetto, che è uno strumento razionale e, dato che la realtà è ragione, è il mezzo migliore per descriverla.

Stato e filosofia

Per Hegel il reale è il razionale e in quanto tale necessario, la filosofia può solo riflettere e spiegare ciò che è accaduto ma non tentare di cambiare lo stato delle cose. L’esito è quindi giustificazionista e conservatore: su questa base la destra accettano il regno dell’imperatore Federico Guglielmo III.
La sinistra afferma invece che, ebbene il sistema sia conservatore, il metodo dialettico sia un metodo rivoluzionario in quanto si basa sul superamento della tesi, accettando quindi la rivoluzione. Marx afferma che si tratta del metodo ipostatizzante (cioè rendeva tutto il reale e quindi ogni istituzione razionale e quindi necessario) ad essere conservatore.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email