Mongo95 di Mongo95
Ominide 6474 punti

La terapia etica e morale


Il problema dell'arte è che questo farmaco ha un potere limitato nel tempo, cioè quello necessario alla contemplazione. L’individualità egoistica riemerge a creazione avvenuta. E si ritorna al conflitto. Dunque è un quietivo provvisorio della volontà. Farmaco con molti limiti: genialità creativa e possibilità di fruirne, nonché provvisorietà dell’efficacia. Il problema risulta di deporre in modo più significativo la propria volontà egoistica, per potersi liberare in modo efficace dal dolore. Quindi superare la dimensione della contemplazione estetica, dimensione conoscitiva delle idee universali, e inaugurare un itinerario che conduca ad una terapia ancora più efficace.
Il farmaco morale si centra sulla compassione. Il problema morale si pone a conclusione dell’intero sistema schopenhaueriano, e forse gli fornisce senso autentico e giustificazione ultima. Per cogliere appieno questa prospettiva, può essere opportuno ricapitolare le premesse generali: kantianamente, l’individuo è Rappresentazione e Volontà, fenomeno e cosa in sé. L’individuo come Rappresentazione è subordinato al principio di ragione e le sue leggi, che lo negano nel suo essere libero. Ma l’individuo come Volontà per Schopenhauer è servo di essa. L’arte, la dimensione estetica, libera brevemente dalla volontà auto-affermativa individuale, poiché va al di là della dimensione singolare ed egotica e apre alla dimensione universale dell’essere. Però ricade da subito nel regno della Rappresentazione e dunque in un quando di separazione. La liberazione provvisoria che l’art reca non perviene alla quiete della Volontà in sé e per sé. Le stesse idee, i modelli che l’arte coglie come oggettivazione della volontà, appaiono ancora una volta in conflitto tra di loro. Ci si può di conseguenza liberare completamente solo cogliendo la quiete della Volontà. Come la si raggiunge? Con la negazione della volontà auto-affermativa di vita. In quanto tale è negazione della vita, essendo essa inquietudine e continua lotta. In questo senso è fondamentale l’esperienza del dolore, che ci consente di cogliere la volontà propria auto-affermativa come inquietudine. Dunque la sospensione del dolore sta nell’annullamento della propria volontà auto-affermativa. La noluntas, la non-vita, la non-affermazione della propria volontà.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze