Ominide 4865 punti

Il pensiero filosofico di Schopenhauer si basa sulla concezione del pessimismo cosmico. In quanto inscindibile dalla corporeità, l’esistenza umana è fragile, effimera e dolorosa.
A questo proposito, il filosofo afferma che la vita è un pendolo che oscilla tra dolore e noia e il piacere è quell’attimo fugace tra un dolore e l’altro.
L’uomo ricerca incessantemente la felicità, che è identificata nell’appagamento di un piacere materiale. Tuttavia, una volta soddisfatto un desiderio, se ne presenterà un altro subito dopo: l’uomo non può non desiderare. L’essere umano è destinato a vivere nel dolore in quanto il piacere è effimero e l’appagamento di un desiderio materiale non è sufficiente per il raggiungimento della felicità. Una volta appagato un desiderio, l’uomo sarà pervaso da una sensazione di vuoto: il tedio esistenziale, per poi essere nuovamente attanagliato dal dolore. Nonostante sia relativamente possibile soddisfare dei desideri materiali, la vera felicità è avulsa dalla corporeità e perciò irraggiungibile.

Questa consapevolezza conduce l’uomo alla noia, ovvero all’assenza di sensazioni.
L’uomo è destinato a vivere nell’insoddisfazione poiché non può conoscere ogni aspetto della realtà e tale consapevolezza lo mette di fronte alla sua limitatezza. Schopenhauer, infatti, afferma che “il mondo è una mia rappresentazione”: noi conosciamo il mondo in base a come lo percepiamo. Siccome i sensi sono ingannatori, l’uomo è destinato a non conoscere l’essenza delle cose in sé, ma soltanto il loro involucro, percepito attraverso i sensi.
Nonostante l’uomo viva nel dolore e non possa conoscere le cose in sé, l’uomo continua a vivere nel mondo poiché ha la volontà di vivere. La volontà di vivere costituisce l’essenza di tutte le cose: è grazie a quest’impulso irrazionale che esiste il mondo e l’uomo. Infatti, se non ci fosse la volontà di vivere, non esisterebbe l’uomo, di conseguenza non esisterebbe il mondo, poiché il soggetto e l’oggetto della conoscenza sono inscindibili: l’uno non può sussistere senza l’altro.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email