Mongo95 di Mongo95
Ominide 6642 punti

L'antidualismo

Nel progetto anti-dualistico di Schopenhauer il problema filosofico centrale è la ricerca del fondamento ontologico del mondo e della vita degli uomini. Cioè quel livello essenziale che fornisce il senso e il significato ultimo della nostra esperienza del e nel mondo, che va al di là della percezione sensibile, concettualizzazione razionale, dimensione temporale, storica e sociale. Fino a qui, tutti i filosofi sono andati alla ricerca di questo fondamento. Lo snodo teoretico originale di Schopenhauer è che ciò che non è essenza (come la contingenza), è solo apparente tale. Nel senso che occorre liberarsi dal modo comune di intendere il mondo e la vita, per cogliere il nucleo di cui anche l’esistenza più immediata e contingente è manifestazione e fenomeno. Ciò che è fuori dal castello è manifestazione del suo interno, non è altro da esso. Mentre il dualismo prevede una separazione tra queste due dimensioni. L’obiettivo di Schopenhauer è smascherare la menzogna teoretica che vede le forme apparenti che starebbero per sé, la cui di là ci sarebbe un mondo altro di essenza, ideale. Qualsiasi cosa che sussiste è manifestazione dell’Essere in senso proprio, sforzo di disvelamento. La realtà vera al di sotto delle forme apparenti e l’illusione che rende queste ultime qualcosa di contrapposto alle forme reali. Un’essenza posta per auto-sussistente.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Schopenhauer, Arthur