IL RINASCIMENTO

Il rinascimento è da intendere come un rinnovamento culturale complessivo, nacque in Italia e particolarmente a Firenze. Il termine rinascimento implica una rinascita, un rinnovamento sia del singolo individuo sia a livello universale in ogni ambito della vita dell'uomo (culturale, politico, morale e religioso).
L'idea di rinascita nasce dal mondo cristiano, infatti il battesimo ci fa rinascere in una nuova vita, quella della fede, in quanto ci lava dal peccato originale. Quest'idea viene spogliata del significato religioso e viene applicata in tutti gli ambiti. Non si parla però di una nascita dal nulla, ma appunto di una rinascita, quindi implica si un rinnovamento ma riprendendo in considerazione le radici classiche e rinnovarle nel tempo, riprendere i valori del mondo classico e attualizzarli secondo l'uomo e le necessità della propria epoca.

Il medioevo veniva identificato come un unico blocco monolitico di secoli bui, come una parentesi che doveva essere chiusa per sempre, e venivano così ignorati alcuni aspetti positivi. Secondo i rinascimentali, infatti, i secoli medievali erano popolati dall’ignoranza e dalla superstizione che la chiesta imponeva, insieme al potere politico, per tenere a bada il popolo: essendo ignorante, infatti, accettava tutto ciò che gli veniva imposto in quanto non aveva gli strumenti per opporsi ed emanciparsi. Questo ruolo oscurantista della ragione da parte della chiesa aveva portato a fenomeni come le crociate e l’inquisizione, portò quindi a bagni di sangue che avevano completamente allontanato la chiesa dalla sua funzione ed essa man mano perdeva anche credibilità perché i fedeli vedevano immoralità e violenza in tutte le cariche, anche quelle più alte. Così nacquero le religioni protestanti in quanto si era arrivati ad un punto in cui l’uomo o si allontanava completamente dalla chiesa o chiedeva un ritorno ai valori originari.

Però bisogna guardare in maniera critica entrambi i secoli perché comunque il medioevo è un periodo composto da dieci secoli e vi furono anche momenti di fioritura nell’arte, nella letteratura (Dante, Giotto, etc). Ad esempio, l’inquisizione torna anche nel rinascimento causando la morte di personaggi come Giordano Bruno, Tommaso Campanella e Galileo Galilei, che contribuirono alla rivoluzione scientifica. Quindi anche nel rinascimento non ci fu solo fioritura, ma soprattutto la persecuzione di coloro che avevano idee diverse, condannati con l’accusa di eresia spesso falsa. Un altro aspetto negativo è la cultura elitaria che si venne a formare nel rinascimento, limitata all’aristocrazia e alla borghesia, in quanto ci fu una ripresa delle lingue latino e greco ( si parlava sempre italiano, ma con moltissimi latinismi e grecismi), a differenza di quella diffusasi nel medioevo che sebbene fosse basata solo sul memorizzare concetti inconfutabili era destinata a tutti in seguito alla formazione della lingua volgare.

Giordano Bruno utilizzò una metafora per spiegare il concetto di rinascimento: è una pianta a cui sono stati amputati i rami, ma il tronco è ancora vivo e, dopo tanto tempo, ricomincia a germogliare. La pianta è il mondo classico con i suoi valori che, dopo che sono stati tagliati i rami secchi che simboleggiano il medioevo, torna a germogliare e quindi rinasce.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email