pexolo di pexolo
Ominide 8985 punti

Dialettica secondo Platone ed Hegel

Termine molto rilevante dal punto di vista filosofico che, nel linguaggio quotidiano, è passato ad indicare una grande abilità, capacità argomentativa. Il primo a parlare esplicitamente di dialettica è stato Platone: per lui essa indica il processo gnoseologico ascensionale, che si dispiega attraverso le quattro fasi della conoscenza e che ci permette, partendo dal sensibile, di giungere alla conoscenza dell’intellegibile; per Platone, essa è sostanzialmente un metodo riflessivo che può essere appreso, imparato e che mette in relazione il mondo fenomenico con quello ideale, la realtà esterna a noi con il mondo delle forme e delle idee. Per Hegel, il termine dialettica ha un significato analogo, similare al resto della tradizione filosofica; tuttavia, se ne differenzia in relazione ad alcuni elementi: anzitutto, per Hegel, la dialettica non è un metodo, almeno secondo la sua accezione principale; in primo luogo, con dialettica gli intende la vita dello Spirito e, proprio in quanto vita, è un movimento incessante e costante, interno e costitutivo dello Spirito. Tale dinamicità si estrinseca da un punto di vista dialettico, cioè, lo Spirito ha una sua storia: infatti, Hegel si propone di rintracciare una Geistesgeschichte (storia dello spirito); dopo Hegel, tale termine venne avversato dalla tradizione di stampo marxista, che sostituì il termine geistes con “materia” (che sottende un riferimento all’uomo ed alla società). Non esiste vita dello Spirito, spiritualità senza la dialettica, cioè se lo Spirito non è in movimento. Quando un fenomeno giunge al suo «apice», cioè quando raggiunge l’acme delle sue possibilità è molto difficile che possa rimanere allo stesso livello, è molto più probabile che dopo l’apice giunga ad una fase di decadenza. La funzione primaria della dialettica è quella di armonizzare, dentro un sistema, le varie parti; perciò essa può anche essere definita come la soluzione di una doppia manchevolezza (uomo e donna), cioè come la sua sintesi. Dopo la morte di Hegel, si è trasformata in un metodo conflittuale, che fraintende l’accezione di dialettica come contraddizione necessaria.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità