c_001 di c_001
Ominide 1284 punti

Manifesto comunista


Nel partito del manifesto futurista Marx tratta i seguenti punti:

La funzione storica della borghesia


La borghesia, a differenza delle classi sociali precedenti che tendevano alla conservazione statica dei modi di produzione, ha una natura dinamica in quanto prevede il continuo cambiamento degli strumenti di produzione e dei rapporti sociali portando così, per propria natura, al prevalere delle forze produttive sempre più sociale sui vecchi rapporti di proprietà portando così all'insurrezione della classe proletaria.


La storia come lotta di classe


Per Marx la stoia e il suo evolversi si basano sulla lotta di classe, ossia la concretizzazione della dialettica fra forze produttive e rapporti di produzione.

La critica ai falsi socialismi


Marx critica tutti i socialismi precedenti, ossia quei socialismi non-scientifici non basati si un’analisi critica scientifica dei meccanismi sociali.

Il socialismo reazionario


Si tratta di socialismi che attaccano la borghesia con parametri conservatori e che intendono ripristinare una data situazione pre-borghese, ritornando quindi indietro anziché procedendo superando il modello attuale. Essi può avere tre forme: socialismo feudale (che mira ad eliminare la società capitalista moderna sostituendo all'alienazione presente un'alienazione passata), socialismo piccolo-borghese (che mira ad eliminare la società capitalista per reintrodurre il sistema corporativo e patriarcale), socialismo tedesco (il quale, di estrazione piccolo-borghese, finisce per appoggiare i governi reazionari distruggendo le conquiste liberali che gli operai avrebbero avuto interesse a mantenere).

Il socialismo conservatore


Ossia un socialismo che non riconosce l'antagonismo fra classi e la dialettica fra forze produttive e rapporti di produzione e mira quindi a rimediare, attraverso la distruzione della proprietà fra i lavoratori, agli inconvenienti del capitalismo senza però distruggerlo non capendo che tali contraddizioni ne sono una caratteristica connaturata.

Il socialismo critico-utopistico


Ossia un socialismo che riconosce l'antagonismo fra classi e le contraddizioni del capitalismo ma che non riconosce al proletariato alcuna funzione storica e tenta quindi di raggiungere il socialismo facendo appello ai membri della società per una pacifica azione di riforme e muovendosi così in una dimensione moralistica e utopistica in quanto, lontani e distaccati dalla realtà, delineano società "ideali" irrealizzabile.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email