Ominide 4103 punti

Quali sono le idee semplici?

Le idee semplici sono come l’alfabeto del pensiero, cioè gli elementi primi e fondamentali di tutta l’ulteriore conoscenza.
La mente riceve passivamente tali idee da due fonti, la sensazione (senso esterno) e la riflessione (senso interno) che sono le uniche finestre attraverso le quali penetra la luce della conoscenza nell’intelletto ancora oscuro perché privo di qualunque idea innata.
La sensazione offre all’intelletto le impressioni delle cose esterne (esempio il rosso, il dolce, il caldo, il duro); la riflessione fornisce all’intelletto le percezioni degli stati interiori, cioè degli atti dello stesso spirito (es. il dubitare, il volere, il credere).
Perciò il termine idea, a proposito delle idee semplici, indica esperienza sensibile esterna ed interna e non rappresentazione intellettiva, concetto che è il significato più comune della parola.

Anche nella riflessione l’intelletto è passivo come nella sensazione: la sola differenza è che, in essa, lo spirito è rivolto versa la propria interiorità, cioè alle sue operazioni interne, anziché verso l’esterno, cioè verso gli oggetti della realtà naturale. Di conseguenza tanto nella sensazione quanto nella riflessione l’intelletto può essere paragonato ad uno specchio il quale riceve le immagini che in esso si riflettono.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email