Ominide 4103 punti

Per quali motivi le rappresentazioni delle monadi sono diverse

Ogni monade, afferma Leibniz, si rappresenta il medesimo universo sotto un aspetto proprio e con una prospettiva particolare, per cui la percezione è differente in ciascuna. Avviene come quando molte persone guardano la medesima città da diversi punti di osservazione: la città è la stessa ma la visione cambia secondo il posto da cui gli osservatori la vedono. Tale esempio non corrisponde però perfettamente perché l'universo, che la monade si rappresenta, è interno alla monade stessa, mentre la città è esterna agli osservatori.
La differenza delle rappresentazioni di ciascuna monade dipende da due motivi: il primo motivo è che le monadi, secondo il loro grado di perfezione, hanno percezioni diverse: oscure, confuse e chiare, e che anche le monadi superiori, in particolari momenti, rimangono nell'oscurità e nell'incoscienza, pur potendo raggiungere un alto livello di chiarezza. Il secondo motivo poi è che ogni monade, anche se ha la possibilità di conoscere tutto l'universo, è rivolta, di momento in momento, solo ad una parte di esso e quindi le sue rappresentazioni sono parziali.

Scrive Leibniz nella sua Monadologia: “Come una stessa città vista da punti differenti appare tutta diversa e come moltiplicata di prospettiva, così avviene che per il numero infinito delle sostanze semplici che vi sono come molteplici universi differenti che non sono tuttavia che le prospettive di un universo solo, secondo i differenti punti di vista di ciascuna monade.”

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email