Ominide 378 punti

KIERKEGAARD

Filosofo danese iniziatore dell'Esistenzialismo contemporaneo in chiave cristiana.
Ha due gruppi di scritti, religiosi e filosofici (“Aut-Aut” che contiene “Diario di un seduttore”, “Briciole filosofiche... etc). Si rifiuta di costruire un sistema come Hegel, ma ha un andamento discorsivo (filosofia in briciole).

Critica Hegel in tre Primati.

-PRIMATO DELL'ESISTENZA SULL'ESSENZA
Hegel considera l'esistenza solo in quanto inclusa nell'essenza stessa, è una pura accidentalità che sfugge all'analisi filosofica. Già per Kant era una “posizione assoluta” indipendente dal concetto della cosa a cui si riferisce (posso conoscere qualcosa senza che esista effettivamente). Per Kierkegaard è un dato di fatto, il pensiero non può determinarla, ma solo riflettere su essa.

-PRIMATO DELLA SINGOLARITÀ SULL UNIVERSALITÀ
Per Hegel i concetti sono universali in quanto l'universale è l'oggetto della sua filosofia che si occupa solo dell'essenza. Per Kierkegaard non è universale, in quanto è diversa dall'essenza, ma della singola persona.

-PRIMATO DELLA POSSIBILITÀ SULLA NECESSITÀ
Hegel si pone dal punto di vista dell'assoluto mostrando la necessità dell'essere.
Per Kierkegaard l'uomo non riesce ad uscire dalla propria soggettività, in quanto singolo, e quindi non può porsi dal punto di vista dell'assoluto. Resta quindi nella sfera della possibilità (scegliere). L'esistenza si caratterizza per la totale apertura verso il possibile (esistenzialismo).

GLI STADI NEL CAMMINO DELLA VITA

Distingue 3 possibilità fondamentali esistenziali o stadi. Nel passaggio da uno all'altro c'è un salto possibile in quanto il singolo individuo può scegliere (no divenire dialettico).

1.STADIO ESTETICO: incarnato da il Don Giovanni di Mozart, seduttore. Vive la vita come serie ininterrotta si istanti indipendenti (Carpe diem, immediatezza, no ripetizione → noia. Continua novità). In questo modo evita le scelte impegnative, ma rinuncia in qualche modo alla sua identità. Questo lo porta alla disperazione e al salto allo stadio successivo.

2.STADIO ETICO: incarnato dal Consigliere di Stato Guglielmo, marito. Fedele alla sua scelta, vita come ripetizione che la riconferma (coerenza, vivere nelle leggi universali → certezza). Uomo del dovere, severo con se stesso, consapevole dei propri sbagli che lo portano al pentimento e alla categoria religiosa dell'ultimo stadio.

3.STADIO RELIGIOSO: incarnato da Abramo che vive nelle leggi etiche ma è disposto a sacrificare il figlio Isacco per Dio. La Fede è in contrasto con l'etica, è un rapporto privato tra uomo e Dio. In questo stadio infatti l'uomo è solo (Cavaliere della fede), dominio della solitudine.

Fede → rischio e PARADOSSO → Cristo stesso è paradosso perchè è figlio di Dio che soffre e muore.

La possibilità è la categoria fondamentale dell'esistenza che porta insicurezza e disagio, e quindi: angoscia e disperazioen.

ANGOSCIA (“In concetto dell'angoscia”) → legata al rapporto del singolo con il mondo. La possibilità genera una vertigine della libertà. L'uomo può scegliere, ma quando tutto è possibile, nulla è possibile. Non conosco le conseguenze delle possibilità e si genera l'angoscia (indeterminata). Esempio di Adamo di fronte al divieto di mangiare i frutti dell'albero della conoscenza, ma non sa cos'è la conoscenza e quindi prova angoscia di fronte a questa scelta. È la situazione fondamentale dell'uomo nel mondo.

DISPERAZIONE (“Malattia mortale”) → riguarda il rapporto del singolo con se stesso. Nasce dalla constatazione che la possibilità dell'io di traduce in impossibilità.
L'io ha due alternative: volere se stesso o non volere se stesso.
Volere se stesso → vuole realizzarsi fino in fondo ma incontra i propri limiti.
Non volere se stesso → essere altro da se, impossibilità maggiore perchè il rapporto con se stesso gli è cotitutivo.
Si arriva quindi alla disperazione per il fallimento.

La soluzione all'angoscia e alla disperazione è aggrapparsi a Dio (niente possibilità perchè sei nelle sue mani, è un ancoraggio).
FEDE → è contro l'opinione etica della ragione, è una verità soggettiva. Non può essere giustificata con argomentazioni razionali, è un salto senza mediazioni, atto esistenziale. L'uomo accetta ciò che sembra assurdo per la ragione (paradosso).

DESTRA E SINISTRA HEGELIANA

Alla morte di Hegel (1831) si formano due correnti, destra e sinistra Hegeliana.
Destra → adatta l'idealismo alla tesi del cristianesimo ed ad una visione politica conservatrice. Identità tra reale e razionale, visione giustificazionista dell'esistente.
Sinistra → afferma che non tutto ciò che si vede è razionale, concependo la filosofia come critica dell'esistente e crea delle elaborazioni rivoluzionaria delle istituzioni politiche.

FEUERBACH

Esponente della sinistra Hegeliana, fondatore dell'ateismo filosofico.

ALIENAZIONE

La religione cristiana consente di scoprire l'essenza dell'uomo. L'uomo si scinde, divide i suoi bisogni da se proietta fuori da se le caratteristiche che vorrebbe avere in una potenza a cui si sottomette. Più l'uomo aliena e pone in Dio, più toglie a se stesso. (Antropologia capovolta). Il compito della filosofia/antropologia è quello di recuperare i predicati che prima venivano attribuiti a Dio e ricondurli all'uomo. L'Ateismo è un dovere morale necessario all'uomo per riappropiarsi della propria essenza.

CRITICA AD HEGEL

La filosofia di Hegel è una teologia mascherata dove Dio coincide con l'assoluto. Hegel fa l'errore di dedurre il finito dall'infinito ma in realtà ha ricevuto le determinazioni dalla realtà finita.
La filosofia dell'avvenire deve compiere questo rovesciamento e partire dal finito. Il vero soggetto non è lo spirito ma l'uomo come essere sensibile e corporeo. La natura diventa base reale della vita dell'uomo. Sensualismo → il concetto di esistenza deriva dalla sensibilità.

Per Feuerbach è importante la differenza tra maschio e femmina perchè ci fa riconoscere l'esistenza di un essere differente da Dio, ma che è essenziale per la mia esistenza. Il vero principio della vita è l'io e tu, la relazione (interesse per l'esistenza dell'altra persona).


UOMO E NATURA


Un'altra forma di alienazione è quella degli uomini primitivi che adoravano come Dei i fenomeni naturali perchè senza di essi non poteva vivere.
Da anche importanza all'alimentazione “l'uomo è ciò che mangia”. Legame con la natura.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email