Questo appunto contiene un allegato
Kant, Immanuel - Pensiero filosofico scaricato 7 volte

Kant


Filosofo tedesco della fine del 1700.
Prima di Kant c’erano state due grandi correnti filosofiche: razionalismo ed empirismo.
I razionalisti portavano avanti dei ragionamenti a priori dell’esperienza. Facevano un’ipotesi da essa ne traevano conclusioni, e quindi arrivavano a formulare tesi del tutto indipendenti dall’esperienza.
A Kant questo "non piace", perché una filosofia che non si basa sull’esperienza costruisce dei castelli in aria, senza fondamento.

Gli empiristi, viceversa, partivano dall’esperienza(a posteriori), ma non riuscendo ad astrarre delle regole universali, non escono dall’orizzonte delle probabilità.
A Kant questo "non piace", perché, essendo una pura conoscenza probabile, non è utile.
Quindi:
--> i razionalisti fanno dei giudizi analitici a priori = Giudizio che non aggiunge nulla a ciò che sappiamo già. Ha valore universale, è sempre vero.

(Es. il tutto è maggiore della parte, il sopra è più in alto del sotto, il dopo è successivo al prima.)

-->gli empiristi fanno dei giudizi sintetici a posteriori = Ti dice qualcosa che prima non sapevi, ma non ha valore universale.
(Es. oggi lei indossa un maglione verde.
È una conoscenza che possiamo avere a posteriori dell’esp.)

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email