Ominide 393 punti

La critica del giudizio


Nelle due Critiche precedenti (alla Ragion Pura e alla Ragion Pratica) il giudizio sintetico apriori veniva considerato come “determinante”.
Nella Critica del giudizio, il giudizio è “riflettente”, perché è oggetto di indagine filosofica.
Mentre nel giudizio determinante il particolare e l’universale sono dati, nel giudizio riflettente, il particolare, cioè l’esperienza, è data, ma l’universale lo trovo dentro di me, perché riguarda un’altra dimensione: il sentimento.
Il giudizio riflettente si divide in:
- Estetico
- Teologico

Il Giudizio Estetico si divide in: bello e sublime.
Per spiegare il concetto di bello, facciamo un esempio: se mi trovo di fronte a un quadro, chi mi dice che è bello? La bellezza la sento attraverso il sentimento. Il bello è determinato da tutto ciò che è armonioso.
Il sublime invece, deriva dall’infinito e da ciò che mi sconvolge, infatti si divide in: dinamico e matematico.

- Matematico significa infinito, lo sento dentro di me come una cosa che mi proietta in una dimensione nuova (ad esempio il cielo stellato).
- Dinamico è ciò che mi sconvolge (ad esempio il mare agitato).

Il Giudizio Teologico, riguarda la ricerca di una finalità.
A tutto ciò che mi circonda posso trovare un fine interno, ad esempio: ogni essere vivente è costituito da organi che hanno il compito di mantenere in vita il corpo.
Il finalismo interno mi porta a pensare che esista un finalismo universale, perché mi porta a pensare che esista un Dio creatore, e che l’uomo, creatura perfetta, possa essere l’ultimo fine della creazione.
Non posso però averne una certezza, ma (sostiene Kant) una ragionevole speranza.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email