Ominide 902 punti

L’ ILLUMINISMO
Situazione politica Europa: . Olanda→oligarchia Francia→ governo del re Sole . Inghilterra→ Parlamento

Il 1700 è un periodo caratterizzato dalla Rivoluzione francese, da quella americana e da un notevole sviluppo; assistiamo, infatti, a un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione, a una diminuzione della mortalità infantile e a un miglioramento delle condizioni igienico sanitarie.
Con la nascita dell’ illuminismo conseguono profonde RIFORME a livello POLITICO negli Stati in cui regnano i sovrani illuminati, quindi si cerca di limitare il potere temporale della Chiesa e quello della nobiltà.

Complessivamente il 1700 non è un secolo di pace e stabilità poiché sono frequenti le guerre per la successione dinastica e quelle per il controllo dei mercati. Vengono però realizzate alcune grandi conquiste dal punto di vista culturale: - si afferma la libertà di stampa (nascita di quotidiani e periodici); - Si registra l'aumento parziale della tolleranza religiosa; - Si ha un notevole sviluppo agricolo, caratterizzato dal consolidamento delle attività industriali e commerciali.

Kant definisce l’illuminismo come "l’ uscita dell’uomo da uno stato di minorità". Solamente attraverso l’ illuminismo l’uomo diventa consapevole del potere del proprio intelletto e abbandona la viltà ( mancanza di coraggio per organizzare la sua ragione) e la pigrizia che avevano caratterizzato i secoli precedenti.

ILLUMINISMO
Movimento culturale che si propone di illuminare le coscienze, attraverso la luce della ragione, per sconfiggere le tenebre dell’ignoranza e migliorare l’intera società; questo movimento nasce in Francia e si diffonde in tutta Europa, presentando degli elementi di continuità col passato, ma anche elementi nuovi, di rottura. Gli elementi di continuità vengono ripresi da:

FILOSOFIA DEL RINASCIMENTO
1. Importanza della libertà e della dignità dell’ uomo, secondo cui l’individuo è libero di modificare la società in cui vive;

2. Visione laica della vita, secondo cui la vita ha un suo significato a prescindere da qualsiasi interpretazione religiosa;

3. La natura quale principio fondamentale che regge e governa la realtà.

SEICENTO
1. Critica nei confronti della religione, secondo cui l’uomo deve essere autonomo dal punto di vista morale;

2. Ripresa del razionalismo (Cartesio e Spinoza) che viene applicato alla tolleranza, si afferma quindi l’ uguaglianza tra gli uomini e l’ esistenza di diritti umani;

3. Importanza del senso del progresso e dello sviluppo tecnologico e quindi del sapere.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove