Tutor 43167 punti

La disperazione di Simplicio


Il dialogo sopra citato fa parte di una delle somme opere di Galileo Galilei dal titolo Il dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo pubblicata nel corso dell’anno 1632. Quest’opera filosofica è stata anche oggetto di condanna da parte del Sant’Uffizio che accusa Galileo di avere divulgato una teoria non esatta che porrebbe al centro dell’universo non la terra, bensì il sole.

Trama del Dialogo


In questo dialogo i tre protagonisti principali sono essenzialmente tre, ovvero Simplicio che è lo strenuo seguace delle teorie tolemaiche e delle idee filosofiche presenti nel pensiero di Aristotele; Salviati, gentiluomo di nazionalità toscana e anche seguace di Galileo, il quale appoggia strenuamente il sistema tolemaico ed infine Sagredo che è simpatizzante di Galilei e delle sue teorie filosofiche. Come appena precisato le posizioni di Simplicio e di Salviati sembrano essere tra loro opposte e dunque inconciliabili, in quanto esprimono visioni completamente diverse. Il mediatore in questo confronto tra i due personaggi è senz’altro Sagredo che cerca di far diventare questo confronto una sorta di esperienza, in cui è coinvolto anche lui. Però nell’ambito di questo dibattito anche Simplicio finirà per appoggiare la posizione di Salviati, anziché quella di Simplicio che sembra essere troppo anacronistica.

Salviati, in tono polemico, cerca di affermare la grandezza e la validità della Scienza Nuova rispetto alle concezioni filosofiche tradizionali. Pertanto lui al “mondo di carta” su cui si è basata la tradizione preferisce mille volte il “mondo sensibile”, di cui apprezza la validità . Simplicio rimane comunque delle sue convinzioni, senza metterle in discussione, pertanto ne esce da questo dialogo umiliato. La sua figura esce sconfitta dal dialogo, il suo atteggiamento è infantile in quanto non riconosce che gli altri hanno affermato cose valide e giuste, mentre le sue affermazioni sono sbagliate.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email