Ominide 9454 punti

Epistemologia e la filosofia della scienza– riassunto


L’epistemologia è la branca della filosofia che si occupa dello studio della conoscenza, in particolare dei limiti della conoscenza umana e dei metodi per raggiungerla.
In altre parole, l’epistemologia si occupa dello studio critico della struttura della scienza.
Il termine “epistemologia”, coniato dal filosofo Ferrier, deriva dal vocabolo “episteme”, che significa “scienza, sapere”
L’Epistemologia diventa una branca della filosofia nel Ventesimo secolo, nonostante il suo sviluppo aveva inizia antecedenti, che si fanno risalire all’Ottocento.
L’epistemologia, anche nota come “filosofia della scienza”, è un’“indagine sulla scienza” e si contraddistingue come una branca autonoma del sapere filosofico.
La filosofia della scienza indaga e ha per oggetto i problemi posti dal sapere scientifico sia nelle forme delle discipline logiche sia in quelle delle scienze naturali (biologia, fisica, matematica).
Nonostante l’epistemologia, che si incentra sull’indagine scientifica si affermi come una branca filosofica a sé durante il Novecento, la scienza era stata indagata anche in passato: un lampante esempio è la filosofia di Platone, il quale, divideva tra scienza, come studio e sapere filosofico, e DOXA, ovvero l’opinione; ma anche la filosofia di Aristotele, Galileo, Bacone e Cartesio.
L’epistemologia si è sviluppata articolandosi in varie tappe, ovvero:
- Conflitto teoretico tra apriorismo e iduttivismo-deduttivismo
- Sviluppo della cosiddetta nuova critica della scienza e del movimento convenzionalistico
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email