Ominide 621 punti

La dialettica hegeliana


Secondo Hegel, bisogna individuare il metodo filosofico adeguato perché la filosofia possa realizzare il compito che si è proposta.
Questo processo di indagine non può fare a meno di essere fondato su una caratteristica propria della realtà, che è l’opposizione. Infatti, ciò che consente al pensiero di comprendere la realtà deve tenere conto dell’opposizione perché già pensiero e realtà sono due opposti, in quanto il pensiero è astratto e la realtà concreta. Il metodo che può corrispondere a quest’esigenza è, secondo Hegel, la dialettica.
La dialettica è la legge ontologica e logica perché appartiene tanto alla realtà quanto al pensiero. La dialettica è in grado di spiegare la struttura della realtà ed il procedimento con cui la realtà va compresa dalla ragione. Permette quindi l’incontro del reale con il razionale e viceversa. Di conseguenza, Hegel afferma che la dialettica va scelta in quanto rende ragione dell’opposizione che è presente nella realtà, in quanto ne è strutturalmente la caratteristica ontologica determinante, e anche del procedere razionale, poiché appartiene alla ragione.
La dialettica deve mettersi di fronte alla realtà, comprenderne ogni singolo aspetto (anche se spesso in opposizione tra loro) e metterli da relazione. La dialettica è l’unico modo per riuscire a capire cos’è la realtà nel suo significato razionale e com’è fatta.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email