Ominide 311 punti

Comte


La legge dei tre stadi


Comte è considerato il padre del positivismo e della sociologia. La sua filosofia è sintetizzabile nella legge dei tre stadi. E’ una legge secondo la quale lo sviluppo dei singoli e dell’umanità passa attraverso tre stadi:
teologico: i fenomeni vengono visti come prodotto dell’azione di agenti sovrannaturali.
metafisico: i fatti vengono spiegati a opera di essenze, idee o forze astratte.
positivo: lo spirito umano riconosce la sua incapacità di ottenere conoscenze assolute , e cerca quindi di scoprire solo le loro leggi effettive.
Sarà lo stesso Comte a proporre una nuova scienza, quella della sociologia come vera e propria fisica sociale che deve stabilire le leggi dei fenomeni sociali per poter prevedere razionalmente lo sviluppo futuro della convivenza sociale. Introdurrà anche la statica sociale che studia le condizioni comuni che permettono l’esistenza delle varie società. La dinamica sociale che comprende lo studio delle leggi dello sviluppo delle società.
Comte arriverà a dire che il governo deve essere degli scienziati. Lui guarda la società senza preconcetti, in seguito da una sociologia di ordine fisico si passa a una religione della società, dove le leggi scientifiche diventano dogmi di riferimento. Comte formula la legge dei tre stadi: quello teologico dove i fenomeni vengono visti come prodotto dell’azione diretta e continua di agenti soprannaturali; metafisico i fatti vengono spiegati a opera di essenze, idee o forze astratte; e positivo dove lo spirito umano riconoscendo l’impossibilità di ottenere conoscenze assolute rinuncia a domandarsi quale siano le origini dell’universo e delle cose, e si limita a scoprire con i propri mezzi le leggi effettive che i dominano.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email