c_001 di c_001
Ominide 639 punti

Comte


Comte viene considerato il fondatore del positivismo, un orientamento culturale e filosofico che si basa sul fatto positivo, vero, accertato e verificabile a cui lui stesso attribuisce tale nome. Di formazione scientifico-ingenierista sviluppò la propria filosofia con l'intento di costruire una filosofia della storia, progetto che divenne poi nella fase conclusiva della sua vita, a causa del maggior peso che assunse per lui la religione a causa della morte della moglie, un tentativo di creare una religione dell'umanità, cioè una divinizzazione della storia stessa, e di trasformare la filosofia in una nuova religione di cui lui sarebbe stato profeta e pontefice massimo e che avrebbe dovuto portare a compimento la "rivoluzione occidentale", cioè lo sviluppo della società positiva della loro civiltà e di cui egli formulò un catechismo, un calendario (con festività legate al progresso e al mondo scientifico).


I tre stadi


Alla base della filosofia di Comte vi è la legge dei tre stadi la quale regola tanto l'evoluzione umana, sia considerando quella di un singolo individuo sia quella dell'umanità intera, quanto quella della conoscenza. La conoscenza e l'evoluzione umana passano quindi attraverso tre stadi, ordinati gerarchicamente che si conseguono necessariamente ma non necessariamente di egual durata.

Lo stadio teologico o stato infantile e dell'animismo


Esso presenta una visione del mondo che prevede una realtà animata da entità sovrannaturali, che vengono quindi impiegati per giustificare tutto e durante il quale l'animo umano è diretto verso la ricerca della cause prime e finali e la natura intima delle cose.

Lo stadio metafisico o stato adolescenziale e dell'essenzialismo


In esso l'uomo cerca di interpretare il mondo tramite l’individuazione di una definizione, di un’essenza e di una causa finale ossia basandosi su astrazioni, ritenute capaci di generare i fenomeni per somiglianza, e in cui lo spirito umano indaga l'essenza ultima delle cose -ossia spiega che le cose sono perché sono.

Lo stadio positivo o stato adulto o scientifico


In esso l'uomo si rende conto che è impossibile raggiungere le nozioni assolute e rinuncia quindi alle indagini precedenti e si dedica alla ricerca delle cause fra i fenomeni, rinunciando così a conoscere le leggi che abbiano senso e ricercando quelle necessarie e effettive, che permettono di prevedere i fenomeni e quindi la capacità di azione pratica dell'uomo sulla natura e il suo dominio su di essa. Conoscere queste leggi consiste nel far sì che tutte le branche del sapere entrino nella loro fase positiva in quanto è necessario che tutti vi arrivino affinché la società contemporanea esca dalla crisi politica e sociale in cui versa poiché tale incompletezza rende impossibile costruire un'organizzazione sociale stabile e coerente: per questo motivo è necessario che la filosofia si ponga come obbiettivo quello di costruire un sistema di idee generali, o filosofia positiva, che raccolga tutte le singole scienze e le loro particolarità all'interno si un'enciclopedia delle scienze che ne contenga in prospetto generale. Egli determina quindi 5 scienze fondamentali e cerca di determinarne una gerarchia che corrisponda anche alla loro stessa storia, ossia all'ordine con cui sono entrate nella fase positiva, ed individua il principio alla base di tale scala nel grado di semplicità o in quello di generalità, in quanto tanto più un fenomeno semplice e generico tanto più facilmente è osservabile e viene quindi prima dei fenomeni più complessi che essendo invece particolari possono essere compresi solo se già si conosce quelli generici: astronomia, fisica, chimica, biologia, sociologia.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email