Ominide 2537 punti

[b Bacone - principi del pensiero

Bacone fu una delle figure più importanti, insieme a Galilei, della rivoluzione scientifica. Egli ha concepito la scienza come essenzialmente diretta a realizzare il dominio dell’uomo sulla natura. La memoria è storia naturale delle creature, dei prodigi e delle arti; è storia civile, ecclesiastica e letteraria. L’immaginazione è poesia narrativa, drammatica e parabolica. La ragione è filosofia prima e speciale: la filosofia prima studia i principi o gli assiomi comuni alle varie scienze; la filosofia speciale è divina, naturale e umana. Quella naturale può essere speculativa (fisica e metafisica) e pratica (magia naturale); quella umana si distingue in quella del corpo e quella dell’anima. L’induzione sperimentale e graduale di Bacone mira a cogliere la forma o natura dei fenomeni e si basa: sulla raccolta dei dati; sull’elaborazione delle tavole di presenza, di assenza e dei gradi; sulla formulazione di una prima ipotesi coerente con i risultati delle tavole; sul vaglio dell’ipotesi mediante un procedimento di esclusione e tramite una serie di tecniche sperimentali; sulla messa a punto di un esperimento cruciale e sull’individuazione della vera causa o forma del fenomeno. La metodologia baconiana paragona il lavoro dello scienziato a quello dell’ape, poiché si pone l’obiettivo di conciliare l’esperienza con l’elaborazione razionale.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email