L'alienazione: confronto tra Marx, Hegel e Feuerbach

Marx

Il termine alienazione indica lo stato di scissione dipendente dell'operaio rispetto:
-al prossimo, rapporto conflittuale con il capitalista;
-alla propria assenza, che è quella del lavorp libero, creativo e universale;
-alla propria attività, che diventa strumento per fini a lui estranei;
-al prodotto del proprio lavoro che gli viene sottratto.

L'alienazione è la condizione dell'operaio salariato scisso da sè e in questo espropriato del proprio lavoro e della propria umanità. E' una condizione patologica che occorre superare con la rivoluzione del proletariato che abolirà la proprietà privata e instaurerà la nuova società comunista.

Hegel

L'alienazione è il momento dello sviluppo dello spirito in cui l'idea diventa altro da sé facendosi natura. E' un momento fisiologico della vita, dello spirito che sfocia nel ritorno dell'idea in sé stessa, con la filosofia dello spirito.

Feuerbach

L'alienazione è il processo mediante il quale l'uomo scinde sé stesso proiettando la propria essenza al di fuori di sé, identificandola con una potenza superiore e divina. E' una condizione patologica dell'essere umano che occorre superare con l'ateismo inteso come riappropriazione della propria essenza da parte dell'uomo.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email