pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Weber fece delle scienze storico-sociali lo strumento d'analisi oltre che del mondo antico, anche dello Stato nazionale moderno e della società capitalistica. Il moderno Stato borghese non lascia nulla all'improvvisazione, ed è in grado di guidare l'economia risolvendo la lotta tra le classi sociali; in esso, l'alto grado di coesione sociale e di potenza è dovuto all'autorevolezza carismatica della leadership, ma soprattutto all'adesione popolare «spirituale». In L’oggettività conoscitiva della scienza sociale e della politica sociale, Weber indica la «fede» come fondamento dello Stato: «Chiedendoci che cosa corrisponda allo Stato, troviamo un'infinità di comportamenti, di relazioni, regolate di fatto e giuridicamente, che presentano un carattere in parte singolare ed in parte ricorrente con regolarità, tenute insieme da un'idea, cioè dalla fede in norme valide di fatto, o che debbano valere, e dalla fede in rapporti di potere di uomini sugli uomini. Questa fede è, in parte, un possesso spirituale concettualmente elaborato, in parte oscuramente sentita». Alle origini del capitalismo sta la propensione dell'Europa moderna per la scienza, per l'economia di mercato, per il sistema parlamentare e, soprattutto, per lo «spirito» («geist») capitalistico che influisce sui comportamenti degli imprenditori e dei consumatori, ma anche, oltre la sfera economica, sui costumi e sulla mentalità religiosa.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017