Eliminato 643 punti

Schleimacker(Breslavia,1768. Berlino, 1834)

Appartiene alla corrente romantica, perché la sua filosofia è impregnata di romanticismo, ma non è un animatore di esso.

Partecipa alla rivista Atheneum, studiò con molto interesse anche gli scritti di Kant, in relazione anche ai filosofi greci.

Opere principali:
-I discorsi sulla religione
- I monologhi

Traduce e pubblica i dialoghi di Platone in maniera critica, dando incentivo allo studio di Platone in Germania.
Come i Romantici, da importanza alle tematiche religiose: si interessa al destino dell’individuo, ,a anche alla tematica della natura che per lui è intuizione e sentimento dell’infinito. Egli diede alla religione un posto di grande importanza, annoverandola tra i più grandi misteri divini che interessano la natura umana

L’etica per lui consiste nell'agire nei confronti della realtà; la metafisica invece è il pensiero che si rapporta alla realtà.

Egli vuole evitare che la religione venga inglobata nella metafisica: grazie alla religione l’uomo può e deve comprendere la sua parte nella storia.
Con questo autore l’ermeneutica (nata storicamente come esigenza di interpretare i testi sacri) diventa ermeneutica filosofica: studio metodologico di introspezione, interpretazione linguistica, filologia della realtà, secondo lui il traduttore è sempre un interprete

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email