La prima fase degli studi giovanili


Nella sua prima fase, Nietzsche è profondamente legato a Schopenhauer e alla sua opera: "il mondo come volontà e rappresentazione", ma soprattutto a Wagner, in quanto era un musicista e Nietzsche riteneva che la musica fosse funzionale a comprendere la filosofia.In questa fase espone come secondo lui è avvenuta la nascita della tragedia,partendo dal fatto che lo sviluppo generale dell'arte è legato alla duplicità di Apollo e Dioniso.

Apollo: prototipo delle divinità olimpiche, dio della misura e del "conosci te stesso", è visione di sogno, è misura, ordine e moderazione.

Dioniso: emblema dell'eccesso,della gioia data dal dolore, forza instintiva, ebrezza, passione, umanità in pieno accordo con la natura.

Dal dualismo tra i due elementi nacque la Tragedia.

Secondo Nietzsche la tragedia greca è morta suicida per via di:
-Euripide il quale eliminò gli elementi dionisiaci, impedendo il raggiungimento l'effetto apollineo dell'epos e ricorrendo sucessivamente ai pesieri freddi(intuizioni apollinee) e pensieri caldi(estasi dionisiache), imitati però in modo realistico e non artistico.

-Socrate con il principio socratico estetico disse ce tutto per essere bello deve essere razionale.

Ci sono due impulsi fondamentali nella vita:
-apollineo: ordine, bellezza e armonia(scultura)
-dionisiaco: irrazionalità, ebrezza e caos(musica)

La tragedia Greca è caratterizzata inizialmente dall'equilibrio (Eschilo e Sofocle) e poi dalla prevalenza dell'elemento apollineo (Euripide).

In generale la nascita della tragedia è distinta in tre fasi:
1)periodo presocratico
i due spiriti di Apollo e Dioniso vivono separati
2)tragedia di Eschilo e Sofocle
i due spiriti tentano di avvicinarsi, pur non combaciando, e generano la tragedia attica (la migliore tragedia)
3)tragedia di Euripide e filosofia di Socrate
con la razionalità viene soffocato lo spirito apollineo, quindi anche la tragedia viene soffocata. per eccesso di ordine, l'uomo ha perso la sua identità e la sua libertà. per riappropriarci del caos, dobbiamo smascherare le menzogne, facendo prevalere l'istinto dionisiaco e andando verso l'età illuministica.

Concetto di storia per Nietzsche è composto dal:
-res gestae, ovvero fatti realmente accaduti nel passato
-historia rerum gestarum, ovvero il resoconto dei fatti realmente accaduti nel passato.

L'eccesso di memoria storica genera la malattia dello spirito, in quanto viviamo nel passato e non ci concentriamo sul presente.

Storia monumentale: si trasmette la coscienza delle cose grandi, deforma i valori e le proporzioni del passato.

Storia antiquaria: conserva il senso di tradizione dal quale non si può prescindere, porta al collezionismo maniacale che modifica i fini e i valordi del passato.

Storia critica: esprime un'istanza legittima di giudizio del passato e porta alla presunzione che si possa far ameno di esso.

L'atteggiamento da assumere è l'insieme di tutte e tre le epoche storiche.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email