Mongo95 di Mongo95
Ominide 4737 punti

La morale ha suo cardine nel libero arbitrio. È l’individuo ad essere responsabile del bene o del male per la sua possibilità di decidere, e per questo è poi imputabile. Il “freier Wille” è il principio base di ogni etica. La demolizione ricorre costantemente nell’opera nietzschiana, già nel 1870 afferma che la conoscenza tragica è la negazione teorica della libertà, anche se sul piano pratico la si ammette. Nel suo periodo illuministico ciò è categorico, anche se in realtà tutte le azioni, anche quelle presunte libere e giudicate buone o cattive, si possono semplicemente spiegare come istanza autoconservativa, mentre la sanzione sociale che la giudica è solo una preoccupazione delle classi dominanti. Il libero volere è una credenza erronea, suggerita dall’impressione che esistano sostanze incondizionate e eventi da considerare esclusivamente come frutto continuo del divenire: il soggetto. La critica al libero arbitrio si connette con la decostruzione del soggetto. La credenza del libero arbitrio è fallace, viene attribuita all’illusoria concezione di una sostanza, un soggetto, che si ritiene causa autonoma degli eventi. In realtà è solo una manifestazione camuffata della volontà di potenza. Noi chiamiamo il libero arbitrio ciò che è semplicemente la sensazione di un “di più di forza”. La concezione del soggetto agente viene decostruita: non esiste la forza in potenza, la forza è nata. È la lingua che distingue “agente” e “messa in atto dell’agente”, fraintendendo ogni agire come condizionato da un soggetto, non esiste un oggetto deliberante che decide se esprimersi come forte o debole, ma la forza e la debolezza si estrinsecano come tali, come espressioni del loro essere.

Praticamente Nietzsche decostruisce tutta la tradizione occidentale. In fin dei conti per il filosofo la teoria del libero arbitrio è nella sua intima essenza antireligiosa, perché l’uomo vuole essere la vera causa delle cose, attribuzione che lo renderebbe una specie di dio. L’uomo non è causa di nulla, nemmeno degli atti cosiddetti etici.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove