Ominide 9448 punti

La filosofia di Nietzsche


Nietzsche rompe con la filosofia antecedente (ad esempio, dal punto di vista stilistico, Nietzsche scrive per aforismi).
è stato un filosofo molto discusso poiché critica la cultura occidentale.
La scrittura di Nietzsche è stata caratterizzata da varie fasi.
Nietzsche è un filosofo del sospetto e della demistificazione: egli afferma che la realtà autentica esiste al di sotto della realtà visibile.
Nietzsche è in contrasto con le correnti filosofiche antecedenti, in particolare positivismo, empirismo, neopositivismo: egli infatti sostiene l’impossibilità di conoscere la realtà attraverso il ragionamento e la logica. Mette anche in crisi le certezze metafisiche e morali.
Durante la prima fase scrive in particolare saggi e trattati; durante la seconda fase utilizza in particolar modo gli aforismi; durante la terza fase scrive in versetti; infine, durante la quarta fase si espone dal punto di vista autobiografico.
Nietzsche si rifà a Schopenhauer per quanto concerne la visione pessimistica, irrazionale dell’esistenza umana. Secondo Nietzsche (e anche secondo Schopenhauer), le speranze di un futuro migliore sono un’illusione e gli uomini le utilizzano come se fossero un alibi per non soffrire nel presente e rimandare la sofferenza e la disperazione al futuro.
Nietzsche giunge alla conclusione secondo la quale l’uomo non è mai diventato ciò che in realtà è ed è sempre stato costretto da fattori esterni.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email