Mongo95 di Mongo95
Ominide 4324 punti

Marcuse fa riferimento alla catastrofe atomica. Questo è un problema che entra nel dibattito filosofico anche di molti altri autori (tra cui Russell). La società industriale avanzata, attraverso la minaccia atomica, perpetua le forze che sono all’origine stessa della minaccia: viene ripresentata la stessa dinamica della società che si autoalimenta attraverso la sua distruttività e violenza. La causa reale di questa violenza, paradossale, che distrae dalle cause vere e induce ad autoalimentarsi, non è altro che l’irrazionalità del sistema stesso: apparentemente razionalità, perché diventa sempre più ricca e migliore perpetuando il pericolo, rendendo la vita più facile ai suoi membri, allo stesso tempo convincendo della bontà della sua causa di aumentare l’aggressività attraverso la comunicazione di massa. I bisogni politici della società (del dominio) diventano aspirazioni individuali, la cui soddisfazione favorisce lo sviluppo dell’economia e del bene comune. Ciò appare come la personificazione stessa della ragione, la società sembra funzionare alla perfezione. Invece, nel suo insieme, è irrazionale. La produttività distrugge il libero sviluppo di facoltà e bisogni umani. La pace è mantenuta dalla costante minaccia della guerra. La crescita si basa sulla repressione delle vere capacità. Quest’organizzazione è irrazionale nella sua vera faccia, e ciò spiega la violenza autoalimentata.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017