Hegel

: i suoi discepoli si dividono in
1. Destra: atteggiamento conservatore.
• Celebra lo stato prussiano ( razionalità realizzata nella storia )
• il reale è razionale , quindi immodificabile
• lo spirito è identificato con Dio
• recupero del cristianesimo
2. Sinistra: orientamento progressista
• Il reale è dialettico , quindi in trasformazione
• La religione è alienazione
• Lo spirito è l’umanità
Esponenti della sinistra :
1. Strauss: la religione è un’idea metafisica espressa per immagini. Cristianesimo : unificazione tra finito e infinito che si realizza nell’umanità figlia di madre sensibile ( maria : natura ) e di Dio ( spirito )
2. Bauer: la religione è alienazione che produce passività ed egoismo ; bisogna riaffermare la centralità dell’etica. Spirito = Umanità .

3. Stirner: l’Unico ( l’uomo singolo ) è volontà di potenza ( anarchia individualistica ) : condivide l’ateismo dei “giovani hegeliani” ; Dio è un prodotto dell’uomo che aliena se stesso nella divinità e rinuncia alla libertà. Società : associazione in cui ognuno è indipendente e collabora con gli altri solo per potersi realizzare .
Ha come maggiore esponente Feuerbach che teorizza il :
Materialismo naturalistico:
• L’uomo ha creato Dio ( alienazione religiosa )
• L’oggetto della filosofia è l’uomo naturale
• L’umanità è genere
Materialismo storico: teorizzato da Marx
• L’oggetto della filosofia è l’uomo storico nella sua dimensione sociale
• La storia è sviluppo dialettico alimentato dalla lotta di classe
Feuerbach: la religione è alienazione  non è Dio che crea l’uomo ma l’uomo che crea Dio e si realizza in esso . Dio:l’astratto” = soggetto ; Uomo : “concreto” = prodotto di Dio .
Ateismo: non è solo sul piano conoscitivo ma è un dovere morale da parte dell’uomo e mezzo di liberazione . L’uomo deve creare se stesso . “rinascere” e creare le condizioni per non aver + bisogno di Dio . Deve concepirsi come membro dell’umanità poiché in essa vengono cancellati i limiti individuali . Solitudine  limitatezza ; Comunione  libertà . “L’uomo con l’uomo” = Dio
“L’uomo è ciò che mangia”  espressione intesa in senso letterale ; la dignità e il benessere dell’uomo si misurano in base allo stile di vita che può condurre una famiglia che ha realmente difficoltà a mangiare , vive male. Feuerbach non aveva ancora colto il bisogno sociale dell’uomo .
Alienazione in Dio:
• Sentimento di dipendenza
• Nella religione l’uomo esprime la propria impotenza come individuo
L’uomo attribuisce queste prerogative a Dio : bisogna invece riconoscerle come proprie dell’umanità in genere .
Dis-alienazione: ritorno alla centralità dell’uomo naturale ( soggetto della conoscenza e soggetto etico ).
L’uomo desidera le cose quindi esse esistono ; l’essere del mondo dipende dal fatto che l’uomo o lo ama o lo odia .
L’autocoscienza nasce dal rapporto io/tu: l’io ritrova se stesso nel tu ; Trinità  rapporto io / tu dalla cui sintesi deriva l’umanità ;
Principio ultimo della filosofia: unione uomo con uomo perché la perfezione di un uomo consiste nell’unione .

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email