Genius 5605 punti

Stoicismo - L'etica stoica

L’etica stoica è forse la più importante pratica della filosofia stoica.
Essa afferma che l’uomo deve vivere secondo natura per poter vivere il meglio possibile e il più a lungo possibile. Per vivere secondo natura, l’uomo deve vivere secondo ragione evitando le passioni e le emozioni, che sono degli stravolgimenti innaturali, sono nemici del logos, sono da reprimere in maniera seria e con mente fredda. Il saggio stoico deve essere quindi apatico, per poter essere felice. Vivere secondo ragione è per gli uomini un dovere, un vero e proprio compito a cui è necessario assolutamente assolvere. Perciò esistono comportamenti sempre positivi, cioè quelli razionali, e comportamenti sempre negativi, cioè quelli legati alle emozioni. La morale stoica, essendo legata ai doveri, è definita deontologica. Tra i comportamenti sempre positivi e quelli sempre negativi esistono dei comportamenti che non sono legati né alle emozioni né alla ragione e sono definiti indifferenti. Tra i comportamenti indifferenti ci sono comunque quelli preferibili o meno. Nello stoicismo invece la politica è valorizzata. Tantissimi stoici si suicidarono piuttosto che essere obbligati a fare del male a qualcuno e andare contro ai propri doveri. Alla morte del corpo gli uomini si ricongiungono con il tutto. Nel ciclo continuo della rinascita, cioè della palingenesi, ogni uomo rinascerà uguale. Anche qui ricompare la dottrina dell’eterno ritorno. Ci sono però alcune contraddizioni all’interno del pensiero stoicismo perché se il futuro di ogni uomo è già tutto scritto allora non c’è libertà ed è assurdo giudicare qualcuno se si comporta male perché comunque tutto ciò è stato voluto da Dio. Lo stoicismo fu importante anche perché influenzò la filosofia cristiana e quelle successive.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email