Ominide 6604 punti

Socratismo: Schema del periodo

La storia della filosofia greca fino ad Aristotele viene, di solito, divisa in tre periodi: i presocratici, che rivolgono la loro indagine sul mondo della natura in generale; i sofisti e Socrate, che portano l'attenzione sull'uomo; Platone e Aristotele, che abbracciano il mondo e l'uomo in una visione totale. Questo schema risente del modo di vedere di un grande filosofo del secolo scorso, lo Hegel, che tracciò per primo le linee di una storia della filosofia tutta intrinsecamente concatenata. Di lui, direttamente o indirettamente, molti manuali posteriori seguono le tracce. Hegel scandiva ogni sviluppo sul ritmo di tre momenti "dialettici": la posizione, o tesi, la contrapposizione, o antitesi, e, infine, la sintesi, che supera il contrasto tra i primi due momenti in una concezione superiore.
Applicato a questo periodo, questo schema ne mette in luce abbastanza bene la struttura, purché si tenga presente:

1) che i tre momenti non coincidono in modo assolutamente rigoroso con l'ordine cronologico dei pensatori;
2) che lo studio del "mondo" nella filosofia presocratica non è lo studio di una natura fisica nel senso nostro, bensì di una legge dell'essere che abbraccia anche e soprattutto l'uomo;
3) che il "naturalismo" nel senso moderno della parola, come concezione tendente a ricondurre tutto o una natura materiale e oggettiva, è proprio, semmai, non della prima, ma solo dell'ultima fase della filosofia presocratica (in particolare, di Anassagora e Democrito).

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email