Video appunto: Socrate - Introduzione al pensiero del filosofo

Socrate



La vita



Socrate nacque ad Atene nel 469 a.C. Era figlio dello scultore Sofronisco e della levatrice (ostetrica) Fenarete.
Il filosofo si presentava come un cittadino modello. Combatté addirittura nella battaglia di Potidea ,durante la guerra del Peloponneso, scontro in cui, secondo Platone, avrebbe salvato l’allievo amico Alcibiade.
Si pensa che tra i due sussistesse un rapporto sentimentale: Socrate era innamorato di lui, ma Alcibiade lo rifiutò.

Socrate era sposato con una donna di nome Santippe, persona aggressiva e insopportabile, dalla quale ebbe tre figli.
Il mestiere della madre influenzò in qualche modo il suo pensiero. Lui faceva sì che le persone tirassero fuori le proprie idee e, per fare ciò, si serviva del metodo socratico (la maieutica). Nell'agorà, Socrate incontrava i giovani e faceva partorire loro idee. Socrate venne accusato di creare disequilibri nella nuova democrazia poiché si pensava che corrompesse i giovani. Nonostante sapesse di essere innocente, non fuggì dalla prigione perché non voleva sottrarsi alle leggi della città. Venne condannato a morte nella primavera del 399 a.C , ufficialmente per empietà ma in realtà i motivi erano politici. Morì bevendo la cicuta, un veleno.