gaiabox di gaiabox
Ominide 3551 punti

Musica, ginnastica, addestramento militare

Il piano pedagogico di Platone valorizza la funzione che le singole discipline possono avere nel processo di formazione dell'anima. Ciò vale anzitutto per la musica, che serve a plasma-re il carattere dei guardiani, abituandoli alla bellezza e alla regolarità delle proporzioni, così da agevolare il successivo apprendimento delle matematiche e della dialettica. La ginnastica assume un valore educativo sconosciuto fino ad allora. Per Platone, infatti, diversamente dalla tradizione, il modello dell'uomo fisicamente bene educato non è l'atleta. L'allenamento atletico, che coltiva l'efficienza del corpo come un fine in sé, concentra eccessivamente l'attenzione sul corpo e distoglie l'uomo da altre più significative attività, in particolare dai compiti politici. L'educazione fisica del guardiano dello stato deve, invece, proporsi due obiettivi fondamentali: mantenere sano il corpo e sviluppare nell'anima volontà e coraggio. Platone suggerisce pertanto una ginnastica e un regime dietetico estremamente semplici e strettamente finalizzati agli obiettivi di formazione spirituale che gli preme raggiungere. Egli ribalta così l'opinione corrente secondo la quale la musica è indirizzata alla formazione dell'anima, mentre la ginnastica educa il corpo. Tutta la paidéia è diretta all'anima: la musica ingentilisce l'elemento irascibile addestrandolo al bello; la ginnastica gli conferisce fermezza e vigore. Anche l'addestramento militare ha il compito di forgiare l'anima. È evidente, infatti, che un buon soldato deve conoscere ogni lato dell'arte bellica. Tuttavia, l'aspetto importante di questo tipo di preparazione sta altrove, e precisamente nell'esercizio del coraggio e nell'allenamento a sopportare la sofferenza e la morte.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email