Roua_00 di Roua_00
Ominide 77 punti

Parmenide


Parmenide visse tra il VI e V secolo a.C. , egli insegnò ai tempi delle guerre persiane (480 a.C.), ha predicato in Italia ad Elea (attuale Velia, in Campania) ed è considerato l’autore più monista (da monos, uno solo, un solo principio di realtà: l’essere) dei monisti, poiché non ammetteva pluralità. Parmenide era ossessionato dal non, tutte le parole che utilizzava erano precedute da α (alfa privativo) per sottolineare la sparizione del negativo, in quanto questo non doveva assolutamente apparire. Parmenide cercava di fare apparire sé stesso in una verità indiscutibile (dogmatismo, la sua verità non deve essere mai smentita), togliendo tutto ciò che è imperfezione dalla realtà, l’errore non doveva esistere. Secondo il filosofo l’essere è tutto ciò che esiste e non c’è niente al suo esterno (totalità degli enti, essere= to enai, tutte le cose esistenti). Parmenide riteneva che il mondo attestato dai sensi non esistesse e che fosse falso (non esiste perché non è essere), dunque che non meritasse dignità; l’essere è soltanto una dimensione astratto-logica che esiste solo perché l’uomo la immagina. L’essere puro (che non ha il non) è sempre vero, ma astratto. Parmenide sacrifica il mondo reale per un mondo perfetto, ma astratto, egli fu alla costante ricerca di qualcosa che non cambiasse mai. Utilizzò 6 aggettivi per descrivere l’essere:
-ingenerato: non è mai nato, non ha mai avuto niente prima di sé. -incorruttibile: non può finire, è eterno.
-immutabile: non può mai essere diverso da com’è.
-immobile: fermo, poiché si è diversi in luoghi differenti. -indifferenziato: al proprio interno non contiene più parti, altrimenti queste stesse parti sarebbero diverse tra loro -illimitato.
Nella concezione di Parmenide il movimento e il cambiamento (divenire) sono sinonimi di imperfezione, l’essere è quindi finito (la perfezione è qualcosa di finito, definito e riconoscibile). Tesi fondamentali:
-L’essere è e non può non essere.
-Il non essere non è e non può essere. assolutamente inconcepibile vedere come compresenti l’essere e il non essere.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email