Ominide 6604 punti

Giudaismo ellenizzante: Sapienza e Logos

Fondamentali per la formazione di alcuni tra i dogmi più importanti del Cristianesimo, - e di quello della Trinità divina in particolare - sono i libri della Bibbia detti "sapienziali", perché vi si parla della Sapienza di Dio come di quella che ha presieduto al progetto e alla creazione del mondo, "secondo peso, numero e misura". E poiché l'immagine più immediata per esprimere l'efficacia creativa della sapienza divina è la parola, la Sapienza verrà a identificarsi con la parola (divina), o, in greco, logos.
Codesto accostamento della rivelazione biblica a forme espressive tratte dal pensiero greco, prima che nei Padri cristiani della Chiesa, si trova già in filosofi ebrei aperti all'influsso ellenico, tra i quali il più importante, come vedremo, è Filone d'Alessandria.
Nella stessa Palestina l'influsso ellenistico, non soltanto nel pensiero, ma nel costume, si era fatto sentire, soprattutto attraverso la Siria. Contro di esso il nazionalismo ebraico si ribella sul piano politico, ma, almeno in certi momenti, non riesce a resistere sul piano culturale. La dinastia dei Maccabei, che riconquista l'autonomia politica contro i successori di Alessandro (II secolo a.C.), tuttavia apre le pore all'ellenismo, favorendo la setta dei Sadducei contro quella dei Farisei, custodi intransigenti del costume ebraico.

Se dunque, fin da prima si riscontravano nel pensiero ebraico alcune vaghe influenze greche (ad esempio stoiche), con il II secolo a.C. comincia un contatto e un paragone consapevole tra le due correnti di pensiero che confluiranno nel pensiero cristiano. Aristobulo (II-I secolo a.C.), in un commento (perduto) al Pentateuco mostrava l'accordo fondamentale tra la filosofia mosaica e quella dei maggiori filosofi greci, che ne sarebbe derivata: tema che sarà ripreso in seguito infinite volte. La Bibbia stessa venne tradotta in greco ad Alessandria da una commissione di 70 letterati (Versione dei Settanta, che fece testo per i primi cristiani, ma fu ripudiata dagli Ebrei), per mostrare alle genti di lingua greca i tesori della sapienza ebraica.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email